Obiettivo: la cultura della sicurezza

Un protocollo d’intesa tra Inail e parti sociali del settore edile sulla sicurezza nei cantieri e sui luoghi di lavoro. Domani i dettagli in conferenza stampa

La cultura della sicurezza è al centro di un protocollo d’intesa, siglato nei giorni scorsi, dall’Inail di Lecce con le associazioni datoriali dell’industria e dell’artigianato e le organizzazioni sindacali del settore edile della Provincia di Lecce. “Lavorare in sicurezza nei cantieri edili attraverso l’informazione e la formazione sulle norme di sicurezza e quindi attraverso la prevenzione degli infortuni sul lavoro” è l’obiettivo del protocollo, che consentirà alle organizzazioni datoriali e sindacali di presentare, attraverso i propri enti bilaterali, progetti mirati a promuovere la cultura della sicurezza e della prevenzione. I dettagli del protocollo saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 10.30 di domani presso la sede dell’Inail di Lecce. Interverranno Sandro Russo, presidente del CO.CO.PRO, Claudia Pastorelli, direttore della sede Inail, Nicola Delle Donne, presidente Ance Lecce, Luigi Marullo, presidente Confartigianato Edilizia, Marcello De Giorgi, direttore Cna, Cosimo Pellè, segretario Claai, Andrea Rizzo, segretario Aniem-Confapi, Salvatore Zermo, segretario generale Feneal-Uil, Donato Congedo, segretario Provinciale Filca-Cisl, Alessio Colella, segretario generale Fillea-Cgil. Alla base dell’iniziativa, un’azione sinergica tra le parti, nella consapevolezza che lavorare in sicurezza, oltre a tutelare la persona, aumenta la competitività, riduce i costi sociali e rappresenta un motore per lo sviluppo generale del settore e del Paese. Con la sottoscrizione del protocollo l’Inail intende, in ottemperanza ai propri obiettivi strategici, contribuire in modo significativo e incisivo a migliorare le condizioni di sicurezza all’interno dei luoghi di lavoro e dei cantieri, attuando concrete azioni di prevenzione in sinergia con chi opera quotidianamente nel settore.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!