Poli: “Se vince Vendola è colpa di Fitto”

Avrebbe rifiutato l’intesa con Io Sud. Adriana Poli Bortone, candidata alla presidenza della Puglia, indica in Raffaele Fitto il responsabile di un’eventuale vittoria del centrosinistra

“Il Pdl, e in particolare gli ex An pugliesi, mentono sapendo di mentire quando parlano della mia candidatura”. Lo ha dichiarato Adriana Poli Bortone, candidata alla presidenza della Regione Puglia per Io Sud, Mpa e Udc. “Nei mesi scorsi – spiega Poli Bortone – si è a lungo lavorato all’ipotesi di una intesa, caldeggiata dal presidente Berlusconi, tra Pdl, e il mio movimento Io Sud: un’intesa che avrebbe potuto riunire il fronte moderato e tenere dentro anche l'Udc in una grande coalizione meridionalista: se l'intesa è saltata non è certo colpa mia, ma del veto che alcuni esponenti ex An ha opposto all'accordo”. Poi Poli ha indicato in Raffaele Fitto il responsabile della spaccatura. “Chi l’ha favorita – ha aggiunto – è il ministro Raffaele Fitto, disposto a perdere pur di candidare una persona di sua strettissima fiducia. Questa circostanza è stata certificata decine di volte dai resoconti di stampa: quando a dicembre scorso il ministro chiese a Io Sud la disponibilità a immaginare un percorso comune, per esempio, la nostra risposta è arrivata immediata: peccato che il disegno al quale lavoravano gli esponenti del Pdl era molto diverso da quello al quale lavorava il premier: Fitto e i suoi avrebbero voluto una resa incondizionata da parte nostra più che un accordo politico di prospettiva. Da parte mia, l'ho detto più volte, c'era la disponibilità a fare un passo indietro di fronte a una candidatura autorevole e vincente come quella dello stesso Fitto”. “I pugliesi – ha sostenuto – non si faranno ingannare e sapranno scegliere la coerenza, la serietà, il progetto politico di chi vuol difendere gli interessi del Sud e non ha svenduto la propria regione e il Mezzogiorno alla Lega in cambio di un posto al sole”. “Se la partita contro Vendola sarebbe potuta essere facile e invece oggi appare impervia – ha concluso la senatrice – la colpa è di Fitto: a Roma lo sanno bene, nei prossimi giorni proveremo a spiegarlo anche ai pugliesi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!