A Casarano è conto alla rovescia per la raccolta porta a porta

Tra il 30 ed il 31 marzo saranno definitivamente rimossi tutti i cassonetti stradali ad oggi presenti sul territorio comunale e dal primo aprile partirà la raccolta attiva porta a porta

È iniziato il conto alla rovescia per l’avvio della raccolta porta a porta. Tra il 30 ed il 31 marzo saranno definitivamente rimossi tutti i cassonetti stradali ad oggi presenti sul territorio comunale e dal primo aprile partirà la raccolta attiva porta a porta. In questo lasso di tempo, si svolgerà una campagna di comunicazione che metterà la cittadinanza al corrente del nuovo servizio, grazie anche alla distribuzione di calendari per la raccolta e di pieghevoli illustrativi sulla differenziata. L’assessore all’ambiente e al decoro urbano, Attilio De Marco, avvierà una serie di incontri con i cittadini e soprattutto con gli amministratori di condominio per venire incontro alle esigenze dei condòmini, che saranno chiamati a decidere sulle modalità di raccolta. Per i condomini, infatti, si potrà optare su contenitori di grandi dimensioni in modo tale da rispondere alle esigenze dell’intero palazzo o molto più piccoli per essere collocati in ogni singolo appartamento. «A seguito dell’approvazione del piano d’ambito e grazie all’impegno dell’Amministrazione Comunale, Casarano – commenta l’assessore De Marco – finalmente si allinea ad altri comuni dell’Ato Lecce 3. Il ritorno sarà evidente sotto il profilo del decoro urbano e della pulizia delle strade, con un’indiscutibile diminuzione dei conferimenti in discarica ed un risparmio della relativa spesa di conferimento e dell’ecotassa a tutto vantaggio dei cittadini e delle casse comunali. Faccio un appello ai cittadini, poiché se tutto ciò si realizzerà sarà solo grazie al loro senso civico ed alla loro responsabilità. Avremo, finalmente, l’opportunità di portare, con quest’ultima soluzione, la raccolta differenziata di plastica e carta al 30 per cento contro l’attuale 10 per cento. Inoltre il conferimento in discarica calerà anche in ragione dell’impossibilità per alcuni cittadini dei paesi limitrofi di continuare nella “cattiva abitudine” di scaricare durante le ore notturne i loro rifiuti nei cassonetti posti all’ingresso del paese o nella zona industriale». L’umido verrà raccolto 4 volte a settimana: lunedì, mercoledì, venerdì e sabato. La plastica e la carta saranno raccolte settimanalmente, rispettivamente ogni martedì e giovedì; il vetro verrà ritirato il sabato, a settimane alternate. Gli orari di raccolta saranno dalle 6, nel periodo invernale, e dalle 5 nel periodo estivo. In relazione alle attività della zona industriale, si procederà ad un censimento al fine di dotare ogni singola azienda delle attrezzature necessarie, in considerazione delle specifiche esigenze di produzione. Le utenze non domestiche, come bar, ristoranti, pub, pizzerie, esercizi commerciali, saranno attrezzate con un ulteriore contenitore carrellato o con contenitori rollpack. «È un risultato – conclude il sindaco Ivan De Masi – a cui saremmo giunti molto tempo prima, se non ci fosse stata di mezzo la solita burocrazia. In ogni caso, ci tengo a sottolineare come la raccolta differenziata spinta non sia un dato acquisito una volta per tutte, ma un’occasione che i cittadini dovranno saper cogliere per evitare di vanificare ogni nostro sforzo in materia di decoro urbano. La nostra idea è fare di Casarano una città vivibile e sostenibile, un luogo a misura d’uomo. In questo processo, eliminare i cassonetti dalla strada è solo il primo passo verso una più complessiva riqualificazione urbana, grazie al rinnovamento dell’arredo urbano che interesserà tanto il centro antico quanto le periferie, in virtù del progetto di rigenerazione urbana, del Pirp e degli altri interventi messi in cantiere dall’Amministrazione».

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!