Lecce. Si incontrano le società pugilistiche della provincia

L'incontro, al fine di pianificare la stagione 2010 con la programmazione e la costruzione di eventi pugilistici a carattere internazionale

Le società pugilistiche salentine si incontrano per pianificare la stagione targata 2010. Nel primo pomeriggio di sabato 6 marzo, presso la Sala Riunioni del Comitato Provinciale del Coni di Lecce, si aprirà un confronto con il nuovo Delegato Provinciale della Fpi Sandro Turco e i massimi rappresentanti delle sei società di boxe presenti nella provincia di Lecce; inoltre, tecnici ed appassionati di pugilato, apriranno un dibattito in vista degli imminenti appuntamenti previsti dal calendario 2010 stilato dalla Federezione Pugilistica Italiana. L’incontro, vedrà riunite le società salentine per cercare di creare una sinergia costruttiva che possa essere da base per la programmazione e la costruzione di eventi pugilistici a carattere internazionale ma soprattutto cercare di dimostrare nuovamente che il fermento pugilistico nella provincia leccese è in continua crescita ed oramai pronto per varcare definitivamente i confini territoriali. A prendere parte alla prima riunione annuale delle società pugilistiche leccesi, Benito Urso presidente dell’Amici del Pugilato (Lecce), Angelo Lezzi tecnico dell’Accademia Pugilistica (Lecce), Giacomo Laudisa tecnico della Salento Boxe (Lecce), Alessandro Centonze tecnico della Helios (Lecce), Francesco Stifani tecnico della Be-boxe (Copertino) e Salvatore Piccinni presidente dell’Alex Boxe (Tricase). Tutto questo darà una grande occasione anche per far conoscere ufficialmente quelle che sono le società affiliate alla Federazione Pugilistica Italiana e quindi abilitate all’insegnamento della boxe nella provincia di Lecce. Infine sarà presentato il progetto del nuovo sito internet (www.delegazioneleccefpi.jimdo.com), il quale dovrà convogliare – in un unico portale – tutte le società salentine.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!