Cursi. Una nuova area per il mercato

All’inaugurazione di ieri ha preso parte Loredana Capone, vicepresidente della Regione. La realizzazione della nuova zona mercatale è un co-finanziamento Regione-Comune

Si è tenuta ieri l’inaugurazione della nuova area mercatale di Cursi. Al taglio del nastro del nuovo centro degli acquisti della città, che sorge in piazza Borsellino, hanno preso parte Loredana Capone, vicepresidente della Regione Puglia, don Luigi Gualtieri, parroco di Cursi, e Mariella Jacovazzi, assessora comunale alle Politiche sociali. Loredana Capone ha spiegato che la sua presenza non era dettata solo dal fatto che l’rea sia stata realizzata con finanziamenti della Regione Puglia ma che era testimonianza dell’interesse e della vicinanza alle tematiche sociali della Giunta Vendola. “L’area mercatale, tanto attesa dalla comunità di Cursi, è uno di quei luoghi d’incontro che devono essere promossi e agevolati in tutti i Comuni – ha esordito Capone – perché è un luogo dove grazie agli operatori del mercato si possono realizzare grandi e piccoli affari, con benefici per chi vende e per chi acquista. Per questo li ringrazio in modo particolare – ha continuato – per il loro coraggio, perché sono dei piccoli commercianti, non protetti dalle lobby e ci rimettono quasi sempre a fine giornata di tasca propria, specialmente in questo particolare periodo di crisi della nostra economia”. La nuova zona mercatale sostituisce la precedente poco attrezzata e priva di servizi. Si è potuta realizzare grazie ad un cofinanziamento che ammonta a 190mila euro: 103mila euro sono stati messi a disposizione dalla Regione Puglia e 87mila dal bilancio comunale. Nel corso della manifestazione la vicepresidente ha visitato il mercato fermandosi a parlare con i commercianti e con i numerosi cittadini presenti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!