Rapina ai danni del sarto di Parabita: assolti i due imputati

Assolti Biagio Toma e Antonio Manco, accusati della rapina ai danni di Luigi Compagnone, il sarto di Parabita condannato in primo grado a dieci anni molestie

Sono stati assolti per non aver commesso il fatto, Biagio Toma, 41enne di Parabita, e Antonio Manco, 21enne di Matino, i due imputati per rapina e lesioni nei confronti di Luigi Compagnone, il sarto 82enne di Parabita condannato in primo grado a dieci anni per abusi su un minore. Il giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Lecce, Nicola Lariccia, ha, infatti, accolto la richiesta dell’accusa, che aveva chiesto per entrambi l’assoluzione. Dalle indagini coordinate dal sostituto procuratore Alessio Coccioli era emersa la totale estraneità dei due nell’episodio, parso, all’epoca, assai singolare e dai contorni oscuri della ritorsione e della spedizione punitiva. Era stato già il Tribunale del Riesame a riabilitare la posizione dei due ordinandone la scarcerazione nell’ottobre scorso, ritenendo insufficienti le prove a carico degli arrestati. Le successivi indagini hanno dimostrato anche l’inattendibilità della testimonianza del 17enne, fermato subito dopo la rapina. Fu proprio il minore ad accusare Toma e Manco, additandoli come complici. Una testimonianza in realtà lacunosa e controversa, che non aveva convinto del tutto gli inquirenti. Al momento il ragazzo rimane l’unico prsunto autore materiale della rapina, riconosciuto – poiché a volto scoperto – dallo stesso Compagnone.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!