Pneumatici nell'uliveto: sequestrata discarica abusiva

In un fondo agricolo nei pressi di Lizzanello la Guardia di finanza ha sequestrato un terreno di circa due ettari. Denunciato il proprietario

Una discarica abusiva in un terreno agricolo di circa due ettari, adibito in prevalenza ad uliveto, è stata scoperta dalla Guardia di Finanza di Lecce nei pressi di Lizzanello. In una buca all’interno dell’area, sottoposta a sequestro dai militari delle fiamme gialle, veniva illegalmente stoccata e in parte bruciata, una grande quantità di pneumatici, materiale soggetto a ad una speciale normativa inerente lo smaltimento dei rifiuti. L’operazione è stata avviata da una segnalazione al 117 del proprietario di uno dei fondi attigui, allarmato dal fumo nocivo prodotto dalla combustione dei copertoni, bruciati quasi sempre a tarda sera. Il proprietario del terreno, un 70enne originario di Caprarica, è stato denunciato all’autorità giudiziaria. Non è escluso che le indagini si allarghino anche al figlio del titolare del fondo, di professione gommista. L’operazione si colloca nell’ambito di una serie di controlli effettuati dal comando provinciale nel settore della tutela dell’ambiente, che ha già portato, dall’inizio dell’anno, al sequestro di oltre 26.000 mq di aree adibite a discariche abusive e all’individuazione di sei persone già denunciate all’autorità giudiziaria.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!