Melpignano. Fotovoltaico in vista

 

Alcuni consiglieri di opposizione hanno rivelato che anche nel territorio di Melpignano stanno partendo i lavori per la realizzazione di un impianto fotovoltaico a terra e altri sarebbero già in progetto

Mentre a Cursi si è tenuto un convegno contro la pratica selvaggia dell’ubicazione dei pannelli fotovoltaici nelle campagne, da Melpignano giunge la notizia che stanno per essere avviati i lavori di costruzione di un vasto impianto a specchi di silicio esteso su più ettari, peraltro in una suggestiva zona non lontano dal feudo di Maglie. L’incontro presso la scuole media di Cursi è stato organizzato da Nicolino Sticchi, Pd, ex presidente della Commissione Ambiente di Palazzo dei Celestini, e dal Comune, per porre fine ad una pratica “immorale”, cioè quella di ubicare i pannelli fotovoltaici a terra in quanto desertifica artificialmente il territorio e sottrae terreni alla natura e alla millenaria attività silvo-agro-pastorale, e affermare al suo posto, così come anche prescritto nel nuovo Piano paesaggistico regionale, la pratica “morale e virtuosa” di ubicare i pannelli sui tetti di case moderne, senza deturpare i centri storici, dei capannoni industriali, scuole, e sulle tettoie di parcheggi. La speranza che circolava tra i presenti durante il convegno, è che non accada a Cursi quanto si sta verificando a Melpignano in queste ore, dove l’amministrazione comunale, quale esempio di “Comune virtuoso”, aveva pubblicizzato il fotovoltaico sui tetti in salvezza delle campagne. La denuncia è giunta ieri mattina da alcuni consiglieri dell’opposizione cittadina e ha rivelato l’amara verità: anche nel territorio di Melpignano stanno partendo i lavori per la realizzazione di un impianto fotovoltaico a terra e altri sarebbero già in progetto. La notizia ha scosso anche tutte le associazioni ambientaliste del basso Salento, che nella “calamità fotovoltaica” avevano sin ora guardato con fiducia a Melpignano e che ora chiedono con determinazione che, come atto di coerenza per una rinnovata fiducia, il sindaco di Melpignano, Sergio Blasi, anche segretario regionale del Pd, “in rispetto con l’impegno assunto di buona pratica, fermi la realizzazione di questi devastanti impianti a terra, o che rinunci coerentemente al titolo di “comune virtuoso” di cui si fregia”. Tra gli invitati al convegno di Cursi anche Antonio Gabellone, presidente della Provincia, da sempre fermo oppositore della speculazione del fotovoltaico selvaggio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!