Scandalo sanità, la Procura dice no alla scarcerazione della Cosentino

La Procura di Bari ha espresso parere negativo sulla scarcerazione di Lea Cosentino, ex manager dell'Asl del capoluogo

La Procura di Bari ha espresso parere negativo alla scarcerazione di Lea Cosentino, l’ex direttore della Asl del capoluogo barese attualmente agli arresti domiciliari nell’ambito di un doppio filone d’inchiesta sulla sanità pugliese. Per i tre sostituti procuratori titolari dell’indagine, Roberto Rossi, Emanule De Maria e Teresa Iodice, sussisterebbero, infatti, ancora i presupposti per le esigenze cautelari. Un parere, quello della Procura, comunque non vincolante. Sarà il gip nei prossimi giorni ad accogliere o rigettare l’istanza di scarcerazione presentata dai legali della Cosentino, gli avvocati Francesca Conte ed Egidio Sarno, al termine dell’interrogatorio di garanzia svoltosi nei giorni scorsi negli uffici di via Nazariantz. In caso di accoglimento del parere dell’accusa da parte del giudice per le indagini preliminari, per “Lady Asl” non rimarrebbe che il ricorso al Tribunale del Riesame. Nell’inchiesta, per cui sono previsti nuovi interrogatori nei prossimi giorni, sono finiti – a vario titolo – anche il primario di allergologia dell’ospedale di Caserta, Agostino Cirillo, l’ex direttore sanitario della Asl di Bari, Giuseppe Lonardelli, il primario di allergologia dell’ospedale di Civitanova Marche, Stefano Pucci, ed Eustachio Nettis, del Policlinico di Bari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!