Sequestrata discarica abusiva a Scorrano

All'interno dell'area di mille metri quadrati sono stati rinvenuti medicinali scaduti, pile esauste, bombolette spray, vecchi elettrodomestici abbandonati e 18 cassoni contenenti rifiuti urbani pericolosi provenienti dalla raccolta differenziata. Sigilli del Noe

Durante un sopralluogo effettuato dai carabinieri del Noe di Lecce e della stazione di Scorrano (dipendenti dalla compagnia di Maglie) in localita’ “Favorita”, presso la sede operativa di una società che opera nel settore della raccolta dei rifiuti per l’ambito Ato Lecce/2, è finita sotto sequestro un’area scoperta di proprietà del Comune di Scorrano, con superficie pari a circa mille metri quadri. Nell’area sorge un capannone industriale di 200 metri quadri circa, utilizzato quale deposito di mezzi comunali, che costituirebbero un centro abusivo di stoccaggio dei rifiuti e una discarica abusiva di rifiuti speciali pericolosi e non, rinvenienti dalla raccolta differenziata, poiché sarebbero stati realizzati senza le prescritte autorizzazioni. All’interno del capannone, è stato rinvenuto un cumulo di rifiuti di 2 metri cubi circa, costituito da medicinali scaduti, pile esauste e bombolette spray. In un’attigua area scoperta, i carabinieri hanno trovato altri tredici cassoni scarrabili, tutti contenenti rifiuti urbani pericolosi e non, costituiti da carta, vetro, pneumatici, elettrodomestici e legno. Questo è il bilancio delle verifiche effettuate nell'ambito di un'operazione di polizia per la tutela dell'ambiente disposta dal Comando provinciale di Lecce in tutta la penisola salentina. Al momento il rappresentante legale della ditta è stato deferito alla Procura.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!