Nabucco. Su il sipario

GUARDA IL VIDEO. Sarà l’opera di Giuseppe Verdi, in scena il 22, 24 e 26 gennaio, ad inaugurare la 41esima Stagione lirica della Provincia di Lecce al Politeama Greco

di Daria Ricci Si alza il sipario sulla 41esima Stagione Lirica. “Malgrado tutta la professionalità. Malgrado l’impegno, un coro magnifico, un’orchestra stupenda, un’ottima regia, un direttore di tutto spessore, interpreti bravissimi, c’è sempre la “prova del nove”, c’è sempre l’impatto con il pubblico. Abbiamo lavorato bene, ora vedremo la serata della prima” ha detto il maestro Filippo Zigante, direttore artistico della Stagione. E ribadisce ancora che nonostante i tagli alla cultura, nonostante i fondi a disposizione “abbiamo messo su un Cartellone di prestigio”. “Un Cartellone adeguato alle esigenze del pubblico salentino – ha commentato Simona Manca, vicepresidente della Provincia di Lecce -. Non è stato facile, ma grazie all’impegno della Fondazione e del maestro Zigante è una Stagione di spessore. E poi abbiamo rivolto uno sguardo soprattutto ai giovani sotto i 30 anni. La nostra campagna di accompagnamento ha fatto questo, ha puntato a tutti, volendo colpire ed invitare. Il tutto esaurito è una grande soddisfazione”. Un “Nabucco” che vanta la regia di Ludek Golat, regista ceco di grande esperienza che metterà in scena un’opera nel pieno rispetto della tradizione. “Ho voluto lasciare intatta tutta l’energia che ha in sé l’opera”, ha spiegato. Sul podio per la “prima” leccese salirà il torinese Enrico Dovico, un nome di rilievo a livello internazionale (è stato assistente di Carlo Maria Giulini e Giuseppe Sinopoli). Il maestro è entusiasta dell’Orchestra della Fondazione e del coro, diretto dal maestro Francesco Pareti. “Tanto impegno per bel Cartellone”, ha dichiarato Grazia Manni, direttore amministrativo della Fondazione “Ico” Tito Schipa, che ha spiegato le motivazioni che hanno portato alla scelta di Verdi come apertura della Stagione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!