La finanza da Adelchi

I lavoratori hanno segnalato un carico di calzature “sospetto” alla Guardia di finanza. Che ne dovrà accertare provenienza e rispetto degli standard di sicurezza

I lavoratori Adelchi in protesta davanti ai cancelli del calzaturificio nella zona industriale di Tricase hanno scoperto un carico sospetto di calzature. La segnalazione alla Guardia di finanza di Tricase ha messo in moto un’operazione a largo raggio che ha portato, per il momento, al sequestro di tutta la merce ritrovata all’interno del deposito della Selcom, società facente capo al Gruppo Adelchi. I controlli saranno volti ad accertare la provenienza delle calzature e se in fase di produzione siano stati rispettati gli standard di sicurezza imposti. I lavoratori intanto sono stati invitati ad effettuare deposizioni presso la caserma di Tricase al fine di fornire informazioni sul percorso delle calzature e sulla mobilità del personale da una società all’altra. L’operazione ha scomodato anche il comando provinciale, con l’intervento del colonnello Patrizio Vezzoli che si è intrattenuto a lungo all’interno del deposito nella zona industriale tricasina. Le indagini potrebbero seguire altre strade e coinvolgere altre persone e depositi sospetti. Il gruppo di operai ha nel frattempo occupato l’edificio dove sono dislocati gli uffici del calzaturificio e vi resterà fino a quando non riceverà le dovute risposte da azienda, istituzioni e sindacati.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!