Mia zia ed io. Tragedia e comicità

Alessandro Benvenuti e Barbara Valmorin il 19 e 20 gennaio saranno al Paisiello di Lecce per il secondo appuntamento della Stagione di prosa

Di Daria Ricci Tanti applausi. E il tutto esaurito per lo spettacolo inaugurale, con l’“Omaggio a Eduardo De Filippo” di Tosca D’Aquino e Sebastiano Somma e con grande soddisfazione di Carla Guido direttore artistico: “E’ bello vedere un teatro pieno, tanti applausi e un pubblico soddisfatto”. Sono ora in arrivo al Teatro Paisiello due straordinari interpreti, Alessandro Benvenuti e Barbara Valmorin, nel toccante e comico spettacolo “Auntie & me (mia zio ed io)” per la regia di Fortunato Cerlino in programma il 19 e 20 gennaio alle ore 21.00. Con “Auntie & me”, Morris Panych riesce a raccontare in maniera semplice conflitti complicati. Una storia goffa, comica, e profondamente tragica. I protagonisti ricordano due clown che vestono i panni di persone qualunque, con nessun tratto di eroismo. Con un linguaggio diretto. Kemp apprende da una lettera che sua zia, di cui conserva solo un ricordo d’infanzia, è morente. Si precipita da lei, mollando tutto, ovvero quel poco di messa in scena che regge la sua vita, per assicurarsi della morte della zia e impossessarsi dell'eredità. La morte annunciata e attesa però tarda ad arrivare e Kemp è costretto ad aspettare. Passano i giorni, i mesi. Le stagioni si susseguono. Il tempo scardina e scompone ogni logica, e quell’uomo e quella anziana signora finiscono per essere quello che sono sempre stati: un uomo solo, stordito dalla ricerca di un'identità, di un affetto, di un'eredità, e un'anziana donna dimenticata da tutti tranne che da quel nipote che ne attende la morte. Per gli studenti universitari l’Edisu mette a disposizione biglietti con lo sconto del 50% da acquistare direttamente presso la sede Edisu Lecce in via Adriatica e da commutare per l’assegnazione del posto al botteghino del teatro o presso il Castello Carlo V.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!