Writers a scuola. Fermati

Due interventi in una sola sera. Due gruppi di giovanissimi writers fermati dalla polizia a Lecce. Avevano inbrattato i muri del “Grandi” e del “Siciliani

Erano intenti ad imbrattare i muri di due edifici scolastici. Il personale delle Volanti della Polizia di Lecce è intervenuto due volte, nel corso della serata di ieri, per bloccare gruppi di ragazzi che con vernice spray stavano deturpando le pareti degli istituti. Il primo intervento ha avuto luogo alle ore 19.50 circa dietro segnalazione alla centrale operativa da parte di alcuni passanti che hanno notato strani movimenti, in orario extrascolastico, all’interno dell’istituto “Ascanio Grandi”. Lì, in prossimità dell’ingresso, i militari hanno rinvenuto circa 20 ragazzi, alcuni dei quali sono fuggiti alla vista della Volante. I poliziotti sono riusciti ad identificarne 12, quattro dei quali avevano con sé numerose bombolette spray o le mani sporche di vernice. Il secondo intervento è avvenuto presso la scuola “Pietro Siciliani”. Qui la polizia ha colto sul fatto tre ragazze, mentre erano intenti a scrivere sulle pareti dell’istituto delle frasi di auguri per il compleanno di una compagna di classe: “AUGURI ELENA 18.01.10 DALLA TUA CLASSE”, con tanto di decorazioni larghe, in totale, nove metri. Dell’accaduto è stata messa al corrente la pm di turno del Tribunale dei minori, Simona Filoni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!