Le perfezioni provvisorie di Gianrico Carofiglio

L'autore barese torna in libreria con un nuovo romanzo che ha come protagonista l'avvocato Guerrieri

Gianrico Carofiglio torna in libreria con l’attesissima quarta puntata della saga dell’avvocato Guido Guerrieri, malinconico e politicamente corretto alter-ego del magistrato e attuale senatore del PD. Una storia in cui Carofiglio mescola sapientemente conoscenze giudiziarie e la passione per cinema, musica e libri. A far da sfondo al romanzo, oltre a una colonna sonora ricchissima e variegata (da De Grehori a Cohen), la Bari notturna e misteriosa già descritta nei precedenti romanzi dell’autore pugliese. Una Bari quasi metafisica, a metà tra “uno scenario da Blade Runner e i quadri di De Chirico”, che il protagonista attraversa in una notte ovattata e silenziosa, perso tra ricordi e gli eterni dubbi di un’inquietudine benefica e positiva, e da cui emergono luoghi sospesi nel tempo come il Chelsea Hotel No. 2, un locale gay gestito da Nadia: donna singolare e affascinante, dal burrascoso e ambiguo passato. Una Bari quasi cinematografica verrebbe da dire, in cui perdersi tra zone d’ombra e l’odore salmastro di un mare ipnotico ed eterno, capace di osservare, al pari del protagonista, l’evolversi di una città da sempre in balia delle correnti. Una città che fa da palcoscenico alle avventure di Guerrieri, antieroe per eccellenza, perso tra la derive di relazioni sentimentali ormai svanite e i surreali dialoghi – anzi monologhi – con il sacco da boxe appeso nel soggiorno di casa. Tema centrale del romanzo la scomparsa di Manuela, studentessa universitaria a Roma, figlia di una Bari borghese e opulenta, scomparsa in una stazione ferroviaria, inghiottita nel a dopo un fine settimana trascorso in campagna con gli amici. Guerrieri esita ad accettare l’incarico, più adatto a un detective che a un avvocato. Poi, scettico e curioso a un tempo, inizia a studiare le carte e a incontrare i personaggi coinvolti nell’inchiesta, delineandone con incomparabile maestria personalità e debolezze, piccoli tasselli di quel grande puzzle che è la vita e che porteranno ad un finale davvero inaspettato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!