Sua maestà la Focara

Tra devozione, tradizione, gastronomia, arte, cultura e spettacoli. Ci saranno mons. D’Ambrosio e padre Pizzaballa, custode di Terra Santa, all’accensione della Focara. Poi il concerto di Capossela

di Daria Ricci Circa 20 metri di altezza ed ecco sua maestà la Focara. Tornano a Novoli i giorni del fuoco. A partire dal carattere tradizionale della festa, fino ad arrivare agli aspetti più spettacolari, “per riflettere e vivere al massimo l’evento”, come hanno commentato i partner novolesi. Ricco il programma degli eventi, a cominciare dall’attesissimo concerto di Vinicio Capossela, previsto dopo l’accensione della Focara, oltre al succulento percorso culturale e artistico, che prevede mostre, convegni e dibattiti. Presso l’ex mercato coperto restaurato, la “Drogheria dell’arte”, una mostra di arte contemporanea e la mostra del “Premio Focara Fotografia 2009”. Ci sarà anche la presentazione di un lavoro editoriale su S. Antonio Abate curato da Dino Levante. Tony Villani, presidente del Comitato Festa Patronale, ha annunciato: “Ultimeremo la fòcara, per poi procedere all’allestimento delle luminarie, affidate alle ditte Fratelli Parisi e Luminarie De Cagna. Proprio in queste ore questi ultimi hanno confermato l’allestimento della ‘Torre di Pisa’ alta oltre 20 metri, un capolavoro d’arte e genialità”. “Questo evento, ormai, è importante per tutto il territorio salentino – ha detto il consigliere regionale Antonio Buccoliero -. La festa ormai ha travalicato i confini diventato un momento di confronto e promozione per l’intero territorio pugliese”. Presente in conferenza stampa anche il presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone, che ha spiegato come “con la Focara i riflettori sono accesi su tutto il Salento”. “Senza dubbio la Focara – ha detto il presidente è un evento importante in un periodo a fari spenti per il nostro territorio. Raccolti i buoni risultati in termini di presenze e turismo del periodo natalizio, questa occasione ci permette di continuare il processo di destagionalizzazione turistica su quale puntiamo per il rilancio del territorio”. Il sindaco di Novoli Oscar Marzo Vetrugno, ha sottolineato come “attorno al fuoco buono si crea dialogo”. “Il ‘Fuoco Buono di Puglia’ – ha detto – ormai è l’evento catalizzatore dell’inverno salentino, il faro di un territorio che vuole guardare al futuro. Quest’anno, poi, abbiamo voluto rafforzare l’idea di un fuoco di pace, in contrapposizione ai tanti fatti di cronaca e di guerra che ascoltiamo e vediamo. Il Fuoco della Pace di Betlemme vuole testimoniare che la Focara è messaggera di pace nel mondo, emblema di dialogo: per questo abbiamo voluto fortemente la presenza del custode di Terra Santa, Padre Pierbattista Pizzaballa, che insieme all’Arcivescovo di Lecce, monsignor Domenico D’Ambrosio, accenderanno la grande pira. Il grande fuoco sarà simbolo di pace; attorno ad esso ci stringeremo, condividendo la nostra festa con il popolo salentino”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!