MDC sull'incidente sottopassaggio

Movimento Difesa Consumatori Lecce la morte dell’Avv. De Pace non è dovuta a caso fortuito, ma a colpevoli omissioni. Quei due sottopassaggi dovevano, da tempo, essere messi in sicurezza.

I sottopassaggi di viale Leopardi e di via Monteroni, negli ultimi anni si erano allagati numerose volte. Altre volte autovetture erano rimaste intrappolate dall’imponente massa d’acqua che in quei punti si era raccolta. Gli occupanti dei veicoli si erano sempre salvati grazie anche all’aiuto di terze persone che erano intervenute, proprio come oggi è successo nel sottopasso di via Monteroni. Non ci voleva un indovino per prevedere che lì, prima o poi, sarebbe potuto accadere qualcosa di veramente grave. Oggi l’avv. De Pace non ha avuto la buona sorte dalla sua parte ed ha finito la sua vita annegato in una strada di Lecce. I leccesi sanno che la sua morte non è dovuta ad un caso fortuito, ma a colpevoli omissioni da parte dell’Amministrazione Comunale. Il livello di piovosità, negli ultimi 4/5 anni, è aumentato. La città spesso rimane allagata per carenze alla rete fognaria. Dove il comune ha messo mano alle fogne (via Merine) la situazione è migliorata, ma il resto della città quando piove forte non ha altro sistema per difendersi che pregare che finisca presto. Si buttano tanti soldi in questa città per eventi di cui si potrebbe fare a meno, mentre bisognerebbe al più presto mettere mano ai tombini di scolo ed al potenziamento della rete fognaria in città. Perché non sono state messe delle pompe in quei due sottopassi? Speriamo che non si voglia aspettare un altro morto per effettuare quei lavori urgenti ed indispensabili. Il Movimento Difesa del Cittadino di Lecce sollecita l’Amministrazione Comunale a riferire al più presto ai cittadini cosa intenda fare per porre in sicurezza le vie della città ed invita il Sindaco Perrone a dare disposizioni immediate perché sia impedito il transito verso i sottopassi di viale Leopardi e via Monteroni nelle giornate di forte piovosità. NESSUNO DEVE PIU’ MORIRE IN QUESTA CITTA’ PERCHE’ NON SI FANNO QUEI LAVORI URGENTI ED INDISPENSABILI PER METTERE IN SICUREZZA LE STRADE E LA VITA DEI CITTADINI LECCESI.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!