Francesco Palese: “Una svolta che viene dal popolo”

Il commento del dopo election day da parte dell'alleato di “Salento libero”

“La vittoria meritatissima di Antonio Gabellone alla Provincia di Lecce rappresenta, dopo quindici anni, una svolta storica dal punto di vista politico per il Salento”, dice Francesco Palese, portavoce di Salento libero, il movimento fondato da Mario De Cristofaro. “Il successo del nostro candidato è stato determinato dalla voglia di cambiamento dei salentini che con il loro voto hanno bocciato l'operato degli ultimi anni del centrosinistra a Palazzo dei Celestini. A a è servito l'appoggio, non ufficiale ma concreto, dato alla sinistra, soprattutto a Lecce, da Adriana Poli Bortone, che insieme all'ex presidente Giovanni Pellegrino e naturalmente a Loredana Capone rappresentano i grandi sconfitti di questa lunga campagna elettorale”. “Tutto questo – continua Palese – dimostra il fatto che quando è ora di cambiare, e la gente è insoddisfatta, non ci sono giochi di palazzo che tengono, non servono le strane alleanze, non producono risultati le scelte politiche comportate dai rancori personali. Ad Antonio Gabellone vanno i nostri migliori auguri, convinti che riuscirà a tradurre in fatti concreti gli impegni assunti in campagna elettorale, a cominciare dal rilancio delle periferie e del turismo e dalla valorizzazione delle nostre risorse umane, quei giovani che da oggi devono rientrare tra le priorità dell'azione amministrativa. Un plauso – conclude il portavoce – va infine al ministro Raffaele Fitto che si è dimostrato lungimirante nella scelta dell’ex ‘dottor nessuno’ come uomo in grado di tenere unito il centrodestra prima, di portarlo alla vittoria poi e infine di governare la Provincia. Le aspettative dei salentini sono alte, siamo fiduciosi che saranno soddisfatte”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment