Arte e sapori. Voglia di ‘Cibarti’

Lecce. Quattro giorni di eccellenze artistiche ed agroalimentari nazionali. E via Rubichi, per l’occasione, ospiterà il miglior “street food” pugliese

LECCE – Per quattro giorni, nel “salotto” più elegante del capoluogo salentino, saranno protagoniste le eccellenze artistiche e agroalimentari nazionali, dalla ceramica alla pietra leccese, dalle porcellane di Capodimonte all’arte della liuteria cremonese, passando per i sapori: il torrone di Cremona, la mozzarella di bufala campana, la pasticceria siciliana, i formaggi sardi, i salumi emiliani, la norcineria umbra, oltre ai tanti prodotti tipici pugliesi. Parte domani per chiudersi domenica 2 giugno, nel centro storico di Lecce (piazza S. Oronzo e dintorni), la seconda edizione di Cibarti Expo, fiera nazionale dell'artigianato artistico e agroalimentare, promossa da Camera di Commercio di Lecce, Confartigianato Imprese Lecce e Regione Puglia (Area Politiche per lo Sviluppo Rurale), con il sostegno di Provincia e Città di Lecce e il patrocinio del Ministero Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. La fiera, organizzata da Big Bang snc, aprirà i battenti alle 17. La cerimonia di inaugurazione, prevista per le 19 (si parte dal “Fuori Salone” al Castello Carlo V per poi giungere in piazza), vedrà ospiti il presidente nazionale di Confartigianato Imprese Giorgio Merletti insieme con il segretario generale Cesare Fumagalli. Saranno presenti anche il presidente provinciale della Camera di commercio Alfredo Prete, il presidente e il segretario generale di Confartigianato Imprese Lecce, Corrado Brigante e Mario Vadrucci, oltre al senatore Dario Stefàno, al sindaco di Lecce Paolo Perrone e al presidente della Provincia Antonio Gabellone. Accanto alle aree espositive dei singoli produttori, saranno presenti gli stand di oltre 140 aziende aderenti a Confartigianato Imprese di: Lecce, Bari, Foggia, Brindisi, Taranto, Roma, Novara, Cuneo, Rovigo, Caserta, Trieste, Terni, Perugia, Cesena, Chieti, Milano, Brescia, Pavia, Lecco, Cremona, Bergamo, Sondrio, Lodi e Prato. Quest’ultima presente con Paolo Sacchetti, incoronato miglior pasticcere d’Italia nel 2012 dall’Accademia Maestri Pasticceri Italiani. Sacchetti presenterà per l’occasione la sua creazione più famosa: la pesca di Prato (due cupolette di pasta brioche inzuppate in una bagna di alchermes, tenute insieme da una sontuosa crema pasticcera, a formare un invitante sosia del succoso frutto). A rappresentare il meglio delle tradizioni locali, saranno invece l’area della Regione Puglia – dove si potranno gustare i vini delle migliori cantine del Salento, apprezzare l’olio prodotto da ulivi secolari ed approfondire la conoscenza delle masserie didattiche – e gli stand di: Provincia di Lecce e Bat, Comune di Lecce e i Gal Terre d’Arneo, Capo di Leuca, Terra d’Otranto e Serre Salentine. Ma il vero paradiso dei buongustai sarà via Rubichi, che per l’occasione ospiterà il miglior “street food” pugliese: a tentare il palato, una selezione di cibo da consumare in strada appartenente alla più autentica tradizione regionale. Ogni giorno, inoltre, si potrà visitare il laboratorio degli antichi mestieri, a cura di Confartigianato Imprese Lecce, realizzato in collaborazione con le agenzie formative Ulisse e D’Anthea e la Fondazione Le Costantine. Orari apertura fiera: giovedì e venerdì, dalle 17 a mezzanotte; sabato e domenica, dalle 10 a mezzanotte.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment