Come uscire dalla crisi con qualità

150 aziende pugliesi esporranno (dal 23 al 26 luglio), all'interno della più grande fiera del sud Salento, giunta alla seconda edizione domani alle ore 18.00, a Presicce

Aprirà i battenti domani pomeriggio alle ore 18.30, presso gli impianti sportivi del Palameeting di Presicce (in provincia di Lecce), la seconda edizione di Expo del Capo. Quattro giorni, dal 23 al 26 luglio, per mettere in vetrina alcune delle più importanti eccellenze produttive della nostra Regione, nei settori dell'agricoltura, artigianato, industria e servizi. Ben 150 aziende hanno dato la disponibilità a presentare i propri prodotti all'interno degli spazi espositivi della Fiera del Sud Salento. L'organizzazione, guidata per il secondo anno consecutivo, dall'imprenditore Roberto Rizzo, ha voluto organizzare le cose in grande stile, senza tralasciare a al caso: così l'inaugurazione di giovedì prossimo si trasforma in un vero e proprio meeting istituzionale, che vedrà convergere a Presicce i rappresentanti istituzionali del territorio pugliese e salentino, a testimoniare un supporto concreto a chi ha deciso di ideare quest'evento, e di riproporlo proprio in un periodo non proprio felice per l'economia del sistema produttivo e delle nostre famiglie. Saranno presenti all'inaugurazione la Vice Presidente della Regione Puglia, Loredana Capone, il Presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone, l'Assessore regionale alle risorse agroalimentari Dario Stefano, il Presidente di Confindustria Lecce, Piero Montinari, il Presidente della Camera di Commercio di Lecce, Alfredo Prete, il Presidente dell'Azienda speciale per i servizi reali alle imprese, Luigi Sansò, la Commissaria dell'Apt di Lecce, Stefania Mandurino, insieme ad altri rappresentanti istituzionali (parlamentari, consiglieri regionali, sindaci), e ad un gruppo di imprenditori, tra i più rappresentativi del Salento. Expo del capo ha un obiettivo preciso, come conferma l'organizzatore dell'evento Roberto Rizzo: “offrire alle imprese del territorio uno stimolo per ripartire, continuando a credere nella qualità delle proprie produzioni”. “In un contesto di crisi- continua Rizzo- che mette a dura prova la capacità di sostentamento delle famiglie, e la determinazione di tanti che, nelle Istituzioni e nel mondo del lavoro, si spendono per portare sviluppo e qualità sociale alle nostre comunità, Expo rappresenta una sfida, un progetto ambizioso, non chiuso nei confini di una provincia o di una regione, ma proiettato verso il Mediterraneo. Un'area geografica vasta e dalle potenzialità uniche, che riusciremo a sviluppare non chiudendoci a riccio per paura dell'altro, ma sostenendo l'imprenditoria sana, svelando le opportunità di crescita di un territorio come il nostro, cogliendo le opportunità che derivano dall'incontro con i Paesi che si affacciano su questo grande mare”. Già nella precedente edizione 130 aziende hanno scelto di esporre i propri prodotti, conseguendo notevoli riscontri tra un pubblico che, nei quattro giorni della manifestazione, ha affollato gli stand della Fiera, facendo registrare oltre diecimila presenze. Saranno quattro giorni a disposizione dei cittadini salentini e dei turisti presenti nella nostra provincia, per visitare gli oltre 150 stand espositivi che quest'anno animeranno la fiera: dall’industria alla tecnologia proponendo le ultime novità sul mercato, all’energia rinnovabile, l’agricoltura che per noi è una delle risorse più importanti, le varie agenzie di servizi , le auto, lo sport, il tempo libero e tanto altro ancora.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment