Adriana Poli Bortone è soddisfatta

Per la senatrice il risultato ottenuto nelle elezioni del 21 e 22 giugno è buono

“Siamo decisamente soddisfatti del risultato del voto del 21 e 22 giugno – dichiara la Poli – perché è chiaro che laddove ci siamo apparentati abbiamo regolarmente vinto e l’elettorato ha dimostrato chiaramente di infischiarsene dell’appartenenza di un tempo. I risultati in Puglia ci indicano ampi spazi politici da ricoprire con alleanze territoriali che ben si sposano con l’incalzante federalismo”. “Non possiamo condividere l’analisi – continua – di chi ha sostenuto in queste ore di essere stato lasciato solo perché sarebbe ingeneroso nei riguardi dei tanti ministri Larussa, Carfagna, Meloni, del presidente del Consiglio Berlusconi venuto fino a Bari, del sindaco di Roma Alemanno, dei presidenti dei gruppi parlamentari Cicchitto e Gasparri. Si è trattato di una grande compagnia che ha visto una vittoria sul filo di lana”. “Se qualcuno avesse detto che un movimento nato tre mesi addietro avrebbe avuto sul territorio consiglieri comunali a Lecce, Brindisi e Taranto, consiglieri provinciali e probabili assessori a Lecce, Brindisi e Taranto, nonché una vittoria di obiettivo politico al comune di Bari con la creazione dell’assessorato per il Mezzogiorno ed a Foggia con l’amica Lucia Lambresa, non ci avremmo creduto”. “Oggi – conclude la Senatrice – abbiamo la prova che attraverso il dialogo diretto con la gente e con un’ampia alleanza per il governo del territorio si aprono prospettive di grande respiro. Domani ci incontreremo con gli amici calabresi e campani che come noi hanno avvertito l’esigenza di aprire sedi di IO SUD. Abbiamo davanti un anno intero per un’organizzazione territoriale che veda protagonista il nostro movimento aperto al dialogo con quanti avranno a cuore le sorti del Mezzogiorno”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!