Gabellone. Un nuovo modello di Presidente

Antonio Pellegrino:”Grazie a Fitto abbiamo portato nel Salento lo schema vincente di Cappellacci in Sardegna e Chiodi in Abruzzo”

Antonio Pellegrino esprimere una riflessione ad alta voce finalizzata a soffermarsi su una nuova figura di Presidente, quella di Antonio Gabellone:” Il modello è quello che Silvio Berlusconi ha individuato, con grande successo, sia per il Presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, che per il Governatore di Sardegna, Ugo Cappellacci. E bene ha fatto Raffaele Fitto a proseguire su questo cammino, individuando in Antonio Gabellone una figura di Presidente tanto umile quanto competente, tanto semplice quanto preparata, tanto perbene quanto perspicace”. “Talvolta infatti – ha continuato l'avvocato- i candidati presidente con una personalità prorompente sono più di ostacolo e intralcio che di aiuto all’azione dei partiti e dei movimenti politici, al punto da non far marciare tutti nella stessa direzione. Quando invece il candidato presidente sa essere più di sostegno che di intralcio ai partiti si realizza quel circolo virtuoso che si è avuto con Antonio Gabellone: tutti hanno spinto nella stessa direzione, tutti hanno lottato con lui e per lui, raddoppiando e triplicando gli sforzi, tutti si sono sentiti rappresentati da lui, tutti si sono sentiti valorizzati. Siamo, insomma, dinanzi ad un nuovo modello di Presidente, un Presidente al servizio dei cittadini, del territorio e delle forze di colazione che raccolgono il consenso con lui e per lui. Ci si allontana da quelle figure di Presidente “podestà” che, troppo spesso, possono aver sfavorito anziché agevolare la campagna elettorale in loro sostegno”. “Di questo nuovo modello bisognerà tener conto nelle prossime tornate elettorali. A questo nuovo modello dovremo guardare con attenzione per la scelta dei prossimi importanti riferimenti amministrativi del territorio”. Ha concluso Antonio Pellegrino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment