Ottocento. Da Otranto a Roma

L’opera popolare sul martirio di Otranto, ispirata al libro di Maria CortiL'ora di tutti”, approda nella capitale nell'ambito del “Josp fest

L'opera popolare “Ottocento” va in scena a Roma. Domani mattina (ore 11), a Palazzo Adorno a Lecce, si terrà la presentazione dello spettacolo che, dopo la prima nazionale che si è tenuta lo scorso mese di agosto in Puglia, nei Fossati del Castello Aragonese di Otranto, verrà rappresentato a Roma venerdì 15 gennaio, alle 21, nell'Auditorium Conciliazione, nell'ambito del “Josp Fest”. Il Festival internazionale degli Itinerari dello Spirito, giunto alla seconda edizione, è promosso dall'Opera Romana Pellegrinaggi (un’attività del Vicariato di Roma, organo della Santa Sede) e si svolgerà dal 14 al 17 gennaio. Alla presentazione di domani interverranno Magda Terrevoli, assessora regionale al Turismo, Simona Manca, vicepresidente e assessora alla Cultura della Provincia di Lecce, Luciano Cariddi, sindaco di Otranto e il regista Fredy Franzutti. “Ottocento”, con la supervisione artistica di Franco Battiato, la regia di Fredy Franzutti, le musiche di Francesco Libetta e Angelo Privitera, è prodotto da Comune di Otranto e gode del patrocinio della Regione Puglia. E’ una produzione liberamente ispirata al romanzo di Maria CortiL'ora di tutti”, che narra il drammatico assedio di Otranto del 1480 da parte dei Turchi e la decapitazione di 800 uomini della città salentina che rifiutarono di convertirsi alla religione islamica.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!