Anche la Koll alla mostra di Afrune

Prorogata fino al 31 gennaio per la grande partecipazione di pubblico, la mostra di Giuseppe Afrune, a Poggiardo, ha avuto anche una visitatrice d’eccezione: Claudia Koll

Una visita di due ore alla mostra del maestro Giuseppe Afrune e tanta meraviglia al ritorno a casa. Tra le migliaia di firme sul quaderno d’ingresso di Palazzo della Cultura di Poggiardo, da ieri pomeriggio figura anche quella dell’attrice Claudia Koll arrivata insieme a don Telesforo Kowalski, cappellano del Policlinico Umberto I, con cui dirige “Le opere del Padre”, associazione impegnata per la costruzione di un orfanotrofio in Burundi. Al ritorno da un incontro tenuto nella Cattedrale di Gallipoli, la Koll ha voluto così visitare la personale di Afrune dal titolo “Il tuo volto Signore io cerco”, prolungata dall’amministrazione comunale fino al 31 gennaio prossimo per la grande partecipazione di pubblico (più di 11 mila presenze e 5mila registrate). Scortata dal sindaco Silvio Astore e dall’assessora alla cultura Lina Tarantino, Claudia Koll si è detta “sbalordita dalla magnificenza delle opere che sembrano e sono ispirate da Dio. Mi sono rimaste impresse – ha specificato – soprattutto le opere raffiguranti il volto di Gesù, quella di Giovanni Paolo II e di Madre Teresa di Calcutta in un complesso di arte che si lega bene con la bellezza del Palazzo della Cultura che lo ospita”. Soddisfatto della prestigiosa presenza in città anche il primo cittadino Astore che ha accompagnato i presenti nelle stanze della struttura comunale: “Poggiardo è stata lieta di ospitare una personalità come Claudia Koll con la quale abbiamo apprezzato per qualche ora le magnifiche opere del maestro Afrune. E questa è solo la prima di una serie di altre iniziative che intraprenderemo in tutto il 2010”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!