Un fulmine a Presicce. A fuoco due case

Il proprietario di una delle abitazioni colpite si è ferito all’anca nel tentativo di spegnere le fiamme. Operato d’urgenza, è ora sotto controllo medico

Sono stati attimi di terrore. Momenti durante i quali, per la concitazione, è stato difficile mantenere la lucidità. Nelle prime ore di ieri mattina un fulmine si è abbattuto su due abitazioni di via Umbria a Presicce colpendo dapprima l’antenna televisiva di casa Solda e poi, correndo lungo i fili dell’impianto, spostandosi fino in casa Mancino. Nella prima abitazione ha distrutto tutto ciò che ha trovato nel suo cammino; nella seconda, ha fatto esplodere la cassetta dell’antifurto ed il contatore dell’Enel. Il boato è stato avvertito in maniera nitida in tutto il paese. “Ci siamo svegliati di soprassalto senza capire che cosa fosse successo – ha riferito Patrizia Vitali, moglie di Giovanni Solda -. Quando mio marito è salito sul terrazzo si è accorto del’accaduto; la casa era completamente piena di fumo ed anche le fiamme si stavano propagando”. Il signor Giovanni a quel punto ha tentato di domarle con una coperta ma senza risultato, rimanendo anzi bloccato sul terrazzo. A quel punto è passato sul terrazzo dei vicini cercando di calarsi aggrappandosi alla canna fumaria, ma è scivolato, cadendo da tre metri di altezza. Intanto il vicino di casa, Lucio Mancino, ha avvisato i vigili del fuoco. Anche nella sua abitazione i danni sono stati ingenti. L’ambulanza, arrivata dopo mezz’ora, ha poi condotto Solda presso l’ospedale di Tricase. Lì, dopo essere stato operato d’urgenza all’anca, è attualmente ricoverato sotto controllo medico. I danni del fulmine sono stati avvertiti anche in alcune abitazioni ed esercizi commerciali nei paraggi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!