“Io, Eduardo”, per raccontarlo

L’omaggio a Eduardo De Filippo di Sebastiano Somma e Tosca D’Aquino. Sabato 9 e domenica 10. Parte la stagione di prosa 2010 del Teatro Paisiello di Lecce

di Daria Ricci Parte la stagione di prosa del Teatro Paisiello di Lecce promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Lecce e dal Teatro Pubblico Pugliese, con la direzione artistica di Carla Guido. Sabato 9 e domenica 10 gennaio ecco l’atteso omaggio a Eduardo De Filippo ad opera di due straordinari interpreti, Sebastiano Somma e Tosca D'Aquino, che ripropongono la vita e le opere del grande maestro del teatro napoletano con uno spettacolo di Bruno Colella. E’ impossibile per un amante del teatro non amare Eduardo De Filippo, “un uomo – dicono gli organizzatori – che ha saputo con dovizia, senza presunzione e con abile maestria, semplice e discreta, raccontare i suoi anni mettendo in scena spettacoli teatrali che hanno saputo cogliere l’interesse di un pubblico sempre più vasto, sempre più eterogeneo, che lo ha amato e lo ama tuttora attraverso le riproposte degli attori contemporanei per omaggiare il grande artista. E’ da tempo che Bruno Colella, attore e regista teatrale – continuano – aveva in mente di realizzare un omaggio al grande Eduardo con un’idea brillante, di certo innovativa e coraggiosa, trasformando la vita artistica del personaggio a tutto tondo, dando vita ad uno spettacolo particolare che prendesse a piene mani l’essenza di De Filippo”. Ad intraprendere questo originale percorso assieme a Sebastiano Somma e Tosca D’Aquino ci sono Marco Tornese e Gea Martire accompagnati anche dalla voce di Nicola Vorelli che impreziosirà le canzoni originali che Eugenio Bennato ha creato mettendo in musica le poesie dello stesso Eduardo. Tra le novità della Stagione di Prosa vi è anche il servizio di biglietteria on-line disponibile sul sito www.teatropubblicopugliese.it a partire dal giorno successivo al primo spettacolo della Stagione, ovvero da lunedì 11 gennaio 2010. Biglietteria e prevendita presso l’ufficio turistico situato nell’atrio del Castello Carlo V aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20.00 (lunedì-venerdì) e dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20.00 (sabato-domenica e festivi).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!