Servizi sociali. Nel Salento, tutti per uno

Lecce. Nasce il “Sistema informativo sociale” per il costante monitoraggio di domanda, offerta e nuovi bisogni. Oggi la presentazione al Castromediano

LECCE – I servizi sociali della Provincia di Lecce si mettono in rete per favorire l’accesso ai servizi da parte delle famiglie e delle realtà comunali dell’intero territorio salentino. Il “Sistema informatico provinciale” è l’iniziativa sperimentale ed innovativa, promossa dall’assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Lecce, alla quale hanno aderito i dieci Ambiti Territoriali Sociali della provincia (Lecce, Campi Salentina, Casarano, Gagliano del Capo, Galatina, Gallipoli, Maglie, Martano, Nardò e Poggiardo), rappresentativi dei Servizi Sociali dei 97 Comuni salentini, l’Asl, l’Ufficio Scolastico Provinciale, che saranno in rete attraverso un’unica piattaforma informatizzata. I dettagli del progetto saranno illustrati oggi 9.00, nell’Auditorium del Museo Provinciale “Sigismondo Castromediano”. L’attivazione del Sistema Informativo Sociale Provinciale consentirà per la prima volta il monitoraggio costante della domanda e dell’offerta dei servizi sociali, la rilevazione dei nuovi bisogni e di quelli emergenti, la corretta definizione delle strategie più adeguate a soddisfarli. Nei mesi scorsi, la Svic S.r.l., gestore del sistema, ha provveduto all’installazione del software, predisposto per dialogare con il Centro elaborazione dati della Provincia di Lecce. Alla presentazione di oggi interverranno il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, l’assessore provinciale alle Politiche Sociali Filomena D’Antini Solero, il dirigente alle Politiche Sociali Gilberto Selleri, il coordinatore dell’Osservatorio Sociale e del Sistema Informativo Sociale della Provincia di Lecce Alessandro Nocco e l’amministratore della Svic S.r.l. Oronzo Sticchi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment