Miggiano firma contro la Cosap provinciale

La petizione popolare contesta le richieste inoltrate dalla Provincia per il pagamento del Cosap relativo alle abitazioni che sorgono sulle strade provinciali

di Annalisa Nesca L’Associazione politico-culturale “Insieme per migliorare” di Miggiano organizza nei prossimi giorni una raccolta di firme finalizzata a contestare le numerose richieste inoltrate dalla Provincia, tramite l’ente di riscossione Censum, per il pagamento a titolo di sanatoria del Cosap (canone di occupazione spazi e aree pubbliche) relativo alle abitazioni che sorgono sulle strade provinciali, per le annualità comprese tra il 2003 e il 2007. Maurizio Cafiero, avvocato e rappresentante dell’associazione, ritiene non dovuto tale pagamento poiché nella maggior parte dei casi si tratta di accessi carrabili a raso privi di segnaletica che impediscono la sosta di veicoli nello spazio di manovra antistante. Il canone, contrastando con una razionale ed accorta interpretazione normativa e giurisprudenziale, diviene una tassa per accedere alle abitazioni private. Per questo la raccolta di firme, per richiedere un immediato e incisivo intervento del presidente della Provincia Antonio Gabellone atto a promuovere una moratoria sulle ingiunzioni di pagamento. Nei prossimi giorni si terrà anche un incontro di approfondimento nella sede dell’associazione in via Roma, per informare i cittadini.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!