Ospedale di Poggiardo. Eccellente

Diventerà Polo riabilitativo di eccellenza. La giunta regionale ha infatti approvato i Pal con un’importante modifica per il “Pispico” poggiardese, così come richiesto da Guido Scoditti

L’ospedale di Poggiardo diventa Polo riabilitativo di eccellenza. La giunta regionale ha approvato infatti i Pal (Piani attuativi locali) con un’importante modifica per quanto riguarda il nosocomio “Pispico” poggiardese, così come richiesto dal direttore generale Guido Scoditti. Intanto sono in fase di acquisto un ortopantomografo ed una Tac. A dare la notizia è il consigliere regionale, Aurelio Gianfreda: “Si tratta di un grande risultato che tende a restituire all’ospedale e ai servizi territoriali quelle funzioni che Poggiardo ha da sempre avuto per il territorio circostante. Se a questo si aggiungono il completamento delle due nuove sale operatorie, il completamento della messa a norma degli impianti e della farmacia, la messa in sicurezza della facciata, la realizzazione di nuove sale di attesa per il laboratorio di analisi e di radiologia e la messa a norma del reparto di dialisi e soprattutto la pubblicazione del bando di gara dei lavori di completamento e di adeguamento a norma, arredi e attrezzature per un importo complessivo di 2 milioni e 290mila euro che sarà esperito il 29 gennaio prossimo con l’individuazione dell’impresa aggiudicataria (che avrà tempo 365 giorni per il completamento dei lavori), comprendiamo bene come Poggiardo e le vicine Terme di Santa Cesarea diventeranno il vero Polo riabilitativo della provincia. Tengo a sottolineare – prosegue Gianfreda – che tra tutti gli interventi previsti dall’articolo 20, terza fase, quello di Poggiardo è l’unico in tutta la regione Puglia che va in gara. E questo è merito di quanti hanno reso possibile, in pochissimo tempo, il raggiungimento di importanti traguardi per il nostro ospedale ed in particolare del direttore generale Guido Scoditti, del direttore sanitario Osvaldo Maiorano, del dirigente dell’ufficio tecnico della Asl, Fiorenzo Pisanello e i suoi collaboratori. Ora si tratterà di ottenere la dotazione organica necessaria per far funzionare al meglio, secondo le indicazioni del Pal (Piano attuativo locale), la struttura ospedaliera ed il distretto di Poggiardo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!