Lino Banfi premia la puglia dei centri commerciali

Per la prima volta nella storia la Puglia si è aggiudicata ben due “Cncc Italy Award 2009”, il massimo riconoscimento per un centro commerciale

E’ stato l’ambasciatore di Puglia Lino Banfi, nella prestigiosa cornice di Palazzo Mezzanotte a Milano, a consegnare alla sua regione uno dei premi più ambiti. Per la prima volta nella storia, infatti, la Puglia si è aggiudicata (unica regione del centro-sud) ben due Cncc Italy Award 2009. Si tratta del massimo riconoscimento cui un centro commerciale possa ambire, la cui assegnazione è conferita dal Consiglio nazionale dei centri commerciali alle strutture che si siano distinte durante l’anno per l’eccellenza, in termini di originalità e risultati, delle attività di marketing. Gli Award sono stati assegnati per il Guinness dei Primati vinto grazie a “La pepata di cozze più grande del mondo” realizzata al centro commerciale Mongolfiera di Taranto e per l’iniziativa “Differenziamoci”, che ha coinvolto i centri commerciali Mongolfiera di Foggia, Andria, Barletta, Bari Santa Caterina, Bari Japigia, Lecce, Taranto. // I progetti vincitori // Differenziamoci Sette centri commerciali per un unico grande progetto comune patrocinato dalla Regione Puglia. L’iniziativa ha visto i centri di Andria, Barletta, Bari Japigia, Bari Santa Caterina, Lecce, Taranto e Foggia, protagonisti della prima iniziativa di eco-riciclo da shopping. Ai clienti è stata destinata, all’interno della galleria commerciale, un’area dove poter riportare i materiali di scarto prodotti durante lo shopping; questi ricevevano una eco-shopper, per riportare delle cose da smaltire, e successivamente alla consegna dei materiali, veniva donato loro un rotolo di buste per la raccolta differenziata domestica. Appositi contenitori per la raccolta differenziata sono stati posizionati all’esterno dei centri, a disposizione degli operatori commerciali. Diverse le iniziative che hanno accompagnato Differenziamoci nel corso dell’anno: laboratori creativi per educare i più piccoli all’arte del recupero; pedalate ecologiche; concorso per opere d’arte in materiali riciclati; vetrine verdi che hanno coinvolto gli operatori; sfilate di moda con abiti eco-fashion. I risultati ottenuti parlano chiaro: 15.000 kg di materiale raccolto e non disperso nell’ambiente; 140.000 shopper di tela distribuiti; 56.000 kit di buste consegnati per la raccolta differenziata; 56.000 persone che hanno portato la loro raccolta presso le isole ecologiche; 350 punti vendita coinvolti; 50 testate giornalistiche tra stampa tv e web che hanno dato la notizia. Interventi concreti ecocompatibili di pitturazione delle gallerie con vernici ad acqua, lampade a basso consumo energetico, insegne a led, pannelli fotovoltaici, arredi ecologici, materiali pubblicitari stampati su carta riciclata completano il quadro di un’iniziativa che dimostra la volontà di Mongolfiera di diventare un brand verde a tutti gli effetti. // La pepata di cozze più grande del mondo Una grande impresa, quella del Centro Commerciale Mongolfiera di Taranto, che ha sfidato gli eventi e i numeri per entrare ufficialmente nella storia del Guinness World Record. Sabato 1 agosto 2009, infatti, con ben 3692 kg, un team formidabile, composto da professionisti di Sviluppo Commerciale, società di gestione del centro, e della proprietà Coop Estense, ha superato di una tonnellata il Guinness World Record, che dal 2003 apparteneva alla città francese di St-Pierre-sur-Mer. L’iniziativa, patrocinata dal CNCC e dalla Provincia e dal Comune di Taranto, è stata realizzata in meno di tre settimane. La macchina organizzativa ha superato ostacoli burocratici, sanitari ed economici grazie anche ad una mirata ed efficace azione di co-marketing con 66 aziende, che ha abbattuto i costi dell’operazione passando da 305.000 a 150.000 euro. Protagonista dell’impresa è stata lei: la cozza tarantina. Per cucinare la gustosa e tipica prelibatezza locale è stato necessario rientrare nelle due ore e mezza di cottura per un prodotto così deperibile. Grazie al lavoro di 500 volontari provenienti da ben 50 pro-loco e associazioni del territorio, che hanno spadellato senza sosta, è stato possibile cucinare l’ingente quantitativo di mitili, gustati da oltre 70.000 avventori accorsi per l’occasione. Per battere il guinness dei primati sono stati utilizzati circa 4 tonnellate di cozze, oltre 300 chilogrammi tra pomodorini pugliesi e olio extravergine d'oliva rigorosamente prodotto in Puglia, più di 750 teste d'aglio, 2 padelloni giganti, un piatto/contenitore di oltre 30 metri quadri, 2.500 metri quadrati di area attrezzata nel parcheggio del centro commerciale Mongolfiera, 25 gazebo per la distribuzione della pepata al pubblico.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati