A teatro a 99 centesimi

Lo specchio e il diamante” con Ennio Fantastichini ha aperto il Cartellone del Comune di Lecce. Ci sarà anche il Cartellone del Teatro Pubblico Pugliese

di Daria Ricci Due cartelloni per dire di teatro. Con lavori che abbracceranno un po’ tutti i gusti. Due Cartelloni, uno del Teatro Pubblico Pugliese e l’altro della Stagione di Prosa del Comune di Lecce. Commedia brillante, classici e narrazione nei dodici titoli della doppia Stagione del Teatro Paisiello. E poi, novità assoluta, si potrà andare a teatro a soli 99 centesimi, per gli spettacoli del teatro narrato. Ai sette titoli della consueta stagione di prosa dell’assessorato alla Cultura e Spettacolo del comune di Lecce in collaborazione con il Teatro Pubblico si affiancano i cinque spettacoli della kermesse a 99 centesimi. E’ partito il Cartellone del Comune con la lettura dedicata a Benvenuto Cellini, “Lo specchio e il diamante” dell’attore Ennio Fantastichini. “L’idea di far convergere due rassegne, nasce dall’esigenza di dare continuità alla programmazione teatrale dello scorso anno, che aveva come tema la ri-scrittura. Proponiamo dunque ai nostri spettatori un viaggio che dalle ri-scritture e reinvenzioni dei testi affronta quest’anno la narrazione” dice Carla Guido. Ci saranno anche gli attori salentini: Piero Rapanà, Anna Dimitri, Ivan Raganato e Gabriella Monteduro, Mino Castrignanò. E un concerto con Emanuela Gabrieli, Alessia Tondo e Carla Petrachi che porteranno in scena i loro lavori. La Stagione del Teatro Pubblico partirà il 9 gennaio con Sebastiano Somma in “Io, Eduardo De Filippo”. “Ci saranno nomi e testi importanti – dice Carmelo Grassi, presidente del Teatro Pubblico Pugliese – soddisferemo un po’ tutti i gusti. Lecce per noi è stata, come la provincia, sempre un ottimo punto di riferimento non solo teatrale ma anche culturale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!