Nudo al passaggio delle auto: denunciato

Sulla litoranea che collega Santa Caterina a Sant'Isidoro, un 30enne pregiudicato di Copertino si denudava al passaggio di donne al volante

di Mauro Longo I fatti risalgono allo scorso 6 luglio anche se soltanto ora la polizia è riuscita a venirne a capo, infatti, nel pomeriggio di quel giorno, sulla litoranea che collega Santa Caterina a Sant'Isidoro, una ragazza di 26 anni, stava rientrando a casa a bordo della sua autovettura quando, imboccata la strada della Masseria Brusca direzione strada Tarantina, è stata sorpassata, da lì a poco, da una Fiat Punto alla cui guida vi era un giovane. Ma poco più in là, proprio all’altezza della Masseria Brusca, la donna ha notato che la stessa automobile, che poco prima l’aveva sorpassata, era ferma in piena campagna. Preoccupata che a causa di un incidente fosse uscita di strada, ha rallentato fino quasi a fermarsi, quando improvvisamente si è trovata di fronte un uomo sulla trentina completamente nudo. A tale visione la donna spaventata è fuggita via non senza informare dell’accaduto la polizia. Soltanto nei giorni scorsi gli agenti dopo vari accertamenti incrociati sono riusciti ad individuare l’autore dello strano gesto, un pregiudicato 30enne di Copertino che ora è stato denunciato alla Procura di Lecce e dovrà rispondere di atti osceni in luogo pubblico. Da quanto è emerso dalle indagini questo però non è stato un caso isolato, infatti, una settimana prima e precisamente il 29 giugno, al 113 era arrivata una segnalazione telefonica che riferiva di un uomo che nella stessa zona si denudava al passaggio delle auto. In quella occasione i poliziotti erano riusciti ad individuare la sua auto nei pressi del parco di Porto Selvaggio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!