Natale alle porte. Controlli più severi

Il Comune di Gallipoli ha intensificato i controlli sul commercio in occasione del periodo natalizio. Spada: “Vogliamo rendere la nostra città più ospitale per i turisti”

Controlli intensificati a Gallipoli, nell’ambito del settore commercio, in occasione del periodo natalizio. La sezione amministrativa della Polizia urbana e dei marescialli Roberto Pellone e Luigi Legari, domenica scorsa, in collaborazione con gli agenti del locale Commissariato, ha provveduto a sanzionare le attività di vendita abusiva su corso Roma e piazza Carducci, provvedendo al contestuale sequestro della merce. “Da parte nostra – ha spiegato Rosario Spada, assessore alle Attività Produttive – pur con l’esiguità del personale di Polizia municipale, che ringrazio per l’impegno profuso, continuiamo a fare in pieno la nostra parte e a sanzionare le attività non in regola, in un settore dove la competenza per sanzionare fattispecie contra legem è anche nostra ma non solo, essendo demandata a tutte le forze dell’ordine”. I servizi di monitoraggio e repressione continueranno durante tutto il periodo natalizio anche con l’ausilio del personale della locale Stazione dei carabinieri. “Il nostro impegno – ha continuato l’assessore – è finalizzato a rendere più ospitale ed invitante, per i turisti, la nostra città in un periodo tradizionalmente redditizio per il commercio. Non è un caso che le luminarie che addobbano le vie principali della città abbiano riscosso un consenso diffuso tra cittadini e visitatori, senza dimenticare il ricco e variegato cartellone del Natale allestito dall’assessorato alla Cultura”. Tra i motivi di attrattiva anche il “Parco Natalizio”, situato in adiacenza al cimitero e che consente di accedere a giostre e divertimenti di vario tipo. “Abbiamo preso questa decisione – ha concluso Spada – non solo per dare un’opzione in più di svago ed intrattenimento soprattutto per i bambini, visto che il Natale è essenzialmente la loro festa, ma anche per garantire ai giostrai la possibilità di vivere questo periodo con maggiore serenità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!