La Regione sostiene i piccoli artigiani

15 milioni 600mila euro sono stati messi a disposizione di Artigiancassa da parte della Regione Puglia. Loredana Capone: “E’ il lavoro artigianale ad aver creato il made in Italy”

Quindici milioni 600mila euro a favore dei piccoli artigiani. La Regione Puglia ha messo questi fondi a disposizione di Artigiancassa per favorire gli investimenti della micro e piccola impresa artigiana. Un’operazione, condotta dall’Assessorato allo Sviluppo economico, che ha già permesso di finanziare incentivi per un importo totale di 14milioni 600mila euro (sui 15milioni e 600mila stanziati) e di attivare investimenti per 96milioni 420mila euro. Si tratta di 634 operazioni di credito e di 719 di leasing grazie alle quali le imprese artigiane hanno potuto acquistare, costruire o ampliare i laboratori, comprare macchine e attrezzature in vari settori economici come le costruzioni, la meccanica, il tessile-abbigliamento, i trasporti. “Abbiamo voluto sostenere con grande energia la piccola impresa artigiana – ha commentato Loredana Capone, vicepresidente della Regione Puglia ed assessora allo Sviluppo economico – perché rappresenta una porzione cospicua della nostra economia, che si è rivelata capace di fronteggiare con grande vitalità la crisi economica. Secondo gli ultimi dati disponibili il totale delle imprese percentuali è passato dal 20% al 23% del totale delle imprese. Mi sembra la testimonianza vera di una tenuta tenace che la Regione Puglia intende sostenere con ogni strumento: voglio ricordare che alle piccole imprese anche artigianali sono state destinati due avvisi, il Titolo II e lo Start-up che insieme valgono 143 milioni di risorse pubbliche, con l’intervento di oggi superiamo i 158 milioni. Ma è uno sforzo – ha concluso Capone – che vogliamo compiere perché è il lavoro artigianale ad aver creato il made in Italy ed oggi se la Puglia è un brand sempre più riconosciuto a livello internazionale, si deve al lavoro dei nostri artigiani”. Anche Luigi Sansò, presidente del Comitato tecnico regionale Artigiancassa, ha voluto sottolineare la vivacità delle imprese artigianali. “Questi dati – ha detto – dimostrano ancora una volta che le imprese artigiane, anche in tempi di crisi, continuano ad investire e a credere nel futuro dello sviluppo economico del nostro territorio. Viene anche confermata la validità del metodo di intervento di Artigiancassa, oggi esteso con le nuove norme, oltre che agli artigiani, anche ai commercianti ed ai piccoli imprenditori non iscritti all’albo dell’Artigianato”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!