Fly Salento, le nuove rotte del turismo salentino

GUARDA IL VIDEO. Dal convegno promosso da Assoturismo Confesercenti prende corpo il progetto del nuovo consorzio di operatori turistici

Confesercenti e Assoturismo della Regione Puglia lanciano il progetto “Fly Salento”. L'idea è quella di favorire lo sviluppo di collegamenti aerei dall'aeroporto di Brindisi verso una o più mete europee attraverso l'acquisto di voli charter da riservare agli operatori turistici salentini. Questo attraverso un consorzio che andrà sotto il nome di Fly Salento, appunto, costituito da operatori del turismo delle province di Lecce, Brindisi e Taranto, aperto al contributo dei soggetti pubblici territoriali ed imprenditoriali. L'iniziativa è stata presentata questa mattina a Lecce, nel corso di un incontro che si è svolto all'hotel President e ha visto la partecipazione di numerosi imprenditori del turismo locale, associazioni e rappresentanti istituzionali. “Con questo convegno – sottolinea Massimo Rota, presidente regionale di Assoturismo Confesercenti – abbiamo posto la prima pietra del Consorzio, per aprire nuove rotte al turismo salentino”. Il Consorzio potrà offrire notevoli vantaggi agli operatori turistici, perché può accedere alle ormai imminenti misure di aiuto alle imprese turistiche. Il nuovo regolamento, infatti, prevede contributi ai consorzi, includendo anche le spese di promo-commercializzazione del prodotto turistico. “Il turismo del Grande Salento”, osserva Antonio Schipa, direttore di Confesercenti Lecce, “soffre di eccessiva stagionalità con un'occupazione lorda delle strutture che non supera il 17 per cento rispetto alla media nazionale del 24 per cento. Questo significa che ci sono grandi potenzialità inespresse: Fly Salento è una proposta concreta per fare squadra e lavorare insieme per incrementare le presenze turistiche”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!