Colitti jr. Domani la decisione del Riesame

La risposta sulla scarcerazione o meno di Vittorio Colitti junior potrebbe arrivare domani. Stamattina si è infatti svolta l’udienza davanti ai giudici della sezione minorile del Tribunale del Riesame, chiamati a decidere sul futuro del ragazzo oggi 19enne ma minorenne all’epoca dell’omicidio di Peppino Basile. Attualmente in carcere perché considerato, assieme al nonno, uno dei killer del politico ugentino. Francesca Conte e Roberto Bray, legali difensori del giovane, ne hanno chiesto il rilascio per insussistenza di gravi indizi di colpevolezza, e perché non ci sarebbero le condizioni per la reiterazione del reato o per l’inquinamento delle prove. In aula hanno letto alcune considerazioni di Alberto Tortorella, il medico legale che effettuò l’autopsia sul corpo di Basile, secondo il quale l’omicidio sarebbe stato compiuto da una sola persona ed hanno consegnato ai giudici una nota scritta dal loro assistito in cui questi chiede scusa per aver mentito sull’orario di rientro a casa la notte del 14 giugno dell’anno scorso e spiega di averlo fatto per paura delle possibili reazioni: rientrato all’orario concordato con i genitori, le 23.30, sarebbe infatti uscito nuovamente.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!