Martano inaugura il parco archeologico

L’appuntamento è per le ore 9.30 di oggi in località Apigliani sulla Martano-Soleto. Sarà inaugurato il parco archeologico contenente l’insediamento rurale del periodo bizantino-angioino

Alle ore 9.30 di oggi sarà inaugurata l'area archeologica che si trova ai lati della strada provinciale Martano-Soleto. A seguire, intorno alle 10.30, presso la sala convegni “Wojtyla” in piazza Caduti a Martano, ci sarà la presentazione del volume “Apigliano – Un villaggio bizantino e medievale in Terra d'Otranto”, a cura di Paul Arthur e Brunella Bruno. Sin dal 1997 il professor Paul Arthur ha guidato gli scavi nel sito archeologico di Apigliano, villaggio medievale tra Martano e Zolllino, in cui resti si estendono su circa due ettari. L'Amministrazione Comunale ha acquisito dalla famiglia Mancarella, proprietaria dei fondi interessati, buona parte dell'area, e grazie ad un finanziamento della Regione Puglia (P.O.R. Puglia 2006-2009, Mis. 2.1 – P.I.S. 12 “Parco Archeologico Apigliano”, Insediamento rurale periodo bizantino-angioino in località Apigliani, Itinerario turistico culturale Normanno-Svevo-Angioino). Con la direzione scientifica del professor Arthur, vera anima di questo villaggio ritrovato, i progettisti Bergamo, Susini e Panarese hanno previsto la ricostruzione fedele di una chiesa medievale dedicata a San Nicola, in mattoni di terra cruda, ritrovata durante gli scavi, la realizzazione di una passerella in legno, pannelli didattico-illustrativi e il recupero della Chiesa di San Lorenzo, risalente al sedicesimo secolo, ricadente nell'area e sconsacrata da tempo. Terminati a lavori, nasce oggi un vero e proprio Parco Archeologico, perimetrato e visitabile, fruibile attraverso il materiale informativo, un locale multiuso a servizio dell'area, un parcheggio per gli autobus. Conoscere Apigliano vuol dire conoscere il Salento medievale, per molti versi ancora misterioso e controverso. I ritrovamenti di questi lunghi anni di scavi rappresentano importanti punti saldi della storia salentina, spesso sconosciuta ai più.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!