La lettura ti fa grande. Festival per piccoli lettori

Da oggi al 13 Calimera ospiterà lettori di ogni età. Il libro sarà la vera star. Tutto un paese si mette in moto

di Daria Ricci Un paese intero in movimento. Un paese che chiama cultura. E cultura risponde. Calimera da oggi al 13 dicembre ospiterà “La lettura ti fa grande”, il Festival dei piccoli lettori ma che incuriosisce e coinvolge anche gli adulti. Un evento che è considerato unico nel suo genere nel Centro Sud. “La lettura è volano di crescita e di cultura – ha dichiarato Simona Manca, vicepresidente della Provincia di Lecce ed assessora alla Cultura -. Se molti oggi non leggono è perché nessuno ha insegnato loro a farlo da bambini. Leggendo si diventa sempre più grandi”. “Siamo molto soddisfatti di questo evento che è cresciuto negli anni – ha detto Leo Palumbo, vicesindaco e assessore alla Cultura del Comune di Calimera -; abbiamo sempre sottolineato l’importanza della lettura”. Giunto alla decima edizione il Festival organizzato dalla Regione Puglia, Provincia di Lecce, Comune di Calimera, Istituto comprensivo di Calimera, Associazione Presidi del Libro, ospiterà una quattro giorni di incontri, mostre, spettacoli e laboratori dedicati al mondo dei piccoli lettori. Si inizierà oggi con la partecipazione del giornalista Antonio Caprarica che presenterà il suo libro “Granduchi di Soldonia”. Il festival ospiterà autori per l’infanzia di tutto prestigio come Pina Varriale, Francesca Longo, Emanuela Da Ros, Francesco Gungui, Daniela Morelli, Fabrizio Silei, Luisa Mattia, Laura Water, Elisa Puricelli Guerra, Mauro Schiani. Ci saranno poi dei libri in concorso per l’infanzia e il premio “Città di Calimera” nato con l’intento di sensibilizzare i bambini e i ragazzi alla lettura attraverso incontri con autori e illustratori, laboratori creativi e di educazione alla bellezza, dove gli autori che parteciperanno dovranno presentare in maniera accattivante le storie contenute nella loro ultima pubblicazione ai ragazzi di V elementare e I media. Ai ragazzi, poi, il compito di leggere i libri durante l’estate; al ritorno in classe i piccoli lettori si trasformeranno in giudici votando la storia che hanno più gradito.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!