Liberi Naccarelli e Guagnano. Ma non potranno ritornare al lavoro

Si dovranno astenere dalle loro attività professionali ma sono tornati liberi. Lo ha disposto il gip Ercole Aprile. Gli inquirenti non possono più acquisire nuovi documenti

Sono tornati liberi Giuseppe Naccarelli, dirigente del Comune di Lecce, e Pietro Guagnano, costruttore. Liberi dopo 43 giorni trascorsi dal secondo agli arresti domiciliari, dal primo in parte anche in carcere. Liberi, ma non del tutto, in quanto il gip Ercole Aprile ha disposto che per due mesi dovranno astenersi dalle loro attività professionali. Loro che il 20 ottobre scorso ricevettero la notifica di un’ordinanza di custodia cautelare dallo stesso Aprile per l’affaire di via Brenta. Il provvedimento emesso ieri prevede che Naccarelli non possa tornare a ricoprire l’incarico di dirigente comunale alle Politiche comunitarie e che Guagnano non si debba occupare dell’azienda edile Socoge che amministrava con il fratello Leonardo. La prima fase dell’inchiesta può dirsi dunque chiusa; gli inquirenti ritengono infatti di non poter acquisire ulteriori informazioni dai tre indagati (il terzo è Vincenzo Gallo, funzionario della Selmabipiemme che aveva lasciato i domiciliari dopo due settimane) interessati dai provvedimenti cautelari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!