Frontale sulla Nardò-Galatone

Scontro frontale all’altezza del cimitero, coinvolte due autovetture. Feriti i due conducenti

di Mauro Longo Attorno alle ore 18 di mercoledì, la strada provinciale che collega Nardò a Galatone, già tristemente nota per diversi incidenti anche mortali, è stata teatro di uno scontro frontale, all’altezza del cimitero, fra due autovetture che transitavano nelle opposte direzioni. Ancora non sono del tutto chiare le cause che hanno portato all’impatto le due auto: una Toyota Yaris alla cui guida vi era una donna e un’Agila condotta invece da un uomo. Dagli esiti dei primi accertamenti, a quanto pare, il conducente dell’Opel Agila, dopo aver perso il controllo della propria autovettura, complice l’asfalto reso viscido dalla pioggia caduta incessantemente per quasi tutta la giornata, avrebbe invaso l’altro corsia finendo la propria corsa contro la Yaris della donna che sopraggiungeva dalla parte opposta . Molto violento lo scontro frontale fra le due autovetture che ha provocato ai due conducenti diverse fratture. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della stazione di Galatone e la Polizia Municipale che hanno provveduto a bloccare il traffico per poter rilevare l’esatta dinamica dell’accaduto e per prestare il loro pronto intervento e agevolare l’arrivo dei sanitari del 118. Il traffico infatti è stato interdetto per diverso tempo e deviato verso la via vecchia per Nardò o, addirittura, per i mezzi più pesanti, verso la Statale 101, creando non pochi problemi agli automobilisti. Sul posto sono intervenuti anche i Vigili del fuoco che hanno provveduto ha liberare l’asfalto dall’olio fuoriuscito dalle autovetture.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!