Francesco, “figlio”dei Casaranesi

Si è sottoposto a cure intensive in America ottenendo risultati “miracolosi”. Renzo Sarcinella, padre del bimbo, ad oggi, ringrazia di cuore tutti. Tranne le istituzioni

È tornato a casa da poco Francesco, il bimbo affetto da tetraparesi spastica, che dopo sei mesi di terapia al Miami Children’s Hospital, in Florida, ha ottenuto risultati insperati. Ingessato per quattro mesi alle gambe, è stato sottoposto, due mesi dopo, ad una terapia fisica intensiva che gli ha permesso di utilizzare la muscolatura del bacino e delle gambe, permettendogli di andare in bici per circa 700 metri consecutivi. Per aiutarlo l’intera cittadinanza di Casarano sostiene una raccolta fondi, tra feste di beneficienza e manifestazioni varie, organizzate per prime dall’Istituto Comprensivo IV Polo “Lidia Morgante”, di enorme aiuto economico ed affettivo per il bimbo e la sua famiglia. Papà Renzo ringrazia di cuore tutti i cittadini, in particolare Don Antonio Minerva, parroco del Sacro Cuore di Gesù. “Ad oggi Francesco è “adottato” da tutti, ma abbandonato dalle istituzioni”, afferma con rammarico il papà. L’accusa è rivolta all’indifferenza dell’assessorato regionale alla Sanità (all’epoca dei fatti guidato da Alberto Tedesco). All’inizio del suo percorso, Francesco è stato seguito dai migliori centri specializzati in Italia, ma la risposta dei medici era sempre la stessa: “Rimarrà su una sedia a rotelle”. Eppure i fatti odierni lasciano ben sperare: se il piccolo dovesse confermare il buon ritmo di ripresa, tra circa dieci mesi potrebbe camminare sulle sue gambe.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!