Checco Zalone cade dalle nubi

Il comico pugliese ha presentato il suo ultimo film. A Lecce i maggiori incassi. “Ecco spiegato il mio sorriso”

Di Daria Ricci “Grazie Lecce. E’ un momento bellissimo. Il sorriso dipende dai dati del botteghino. Il film sta andando bene. Lo dicono i botteghini. A Lecce poi ci sono stati i maggiori incassi. Spero che non sia un sogno. Che non debba svegliarmi”. Sono le parole simpatiche di Checco Zalone (al secolo Luca Medici) alla conferenza stampa del suo ultimo film “Cado dalle nubi”. “E poi un barese che trionfa a Lecce… Dovrebbero riscrivere i libri di storia”, aggiunge. “Cado dalle nubi” è una produzione Taodue in collaborazione con Medusa Film per la regia di Gennaro Nunziante. Una commedia brillante in cui si racconta la vicenda di un giovane cantautore pugliese che raggiungerà il successo dopo una serie di esilaranti avventure. Accanto a Checco Zalone, Tullio Solenghi, Maria Amelia Monti, Francesca Chillemi e il barese Dino Abbrescia. “Un film leggero che fa vedere una Puglia diversa, per quello che è” dice ancora Zalone. Un rapportarsi tra nord e sud, la storia eterna di tanti salentini che vanno al nord. “Ho deciso di esordire alla regia per aiutare mia madre che non riusciva a spiegare alle sue amiche quale lavoro facessi; così quando Luca mi ha chiesto di fare la regia del film ho colto al volo l’occasione di semplificare la vita a mia madre che adesso alle sue amiche dirà che il figlio fa il regista” ha detto Gennaro Nunziante. “Quella della commedia all’italiana è stata la più grande stagione cinematografica. A me piace quando gli uomini si sfottono – ha continuato il regista -, quando non si prendono troppo sul serio, quando considerano la propria esistenza qualcosa di semplice. Ecco perché la commedia è il genere che amo e che preferisco”. Il film, girato l’estate scorsa tra Polignano a Mare e Milano, è coprodotto da TaoDue di Pietro Valsecchi e Camilla Nesbitt, con il sostegno dell’Apulia Film Commission (distribuito da Medusa). “Ci sono tutte le premesse perché si affermi un sistema cinema regionale” ha commentato Simona Manca, vice presidente della Provincia di Lecce ed assessora alla Cultura.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!