Casarano. La politica corre sul web

Quotidiani di informazione on line e social network. Sono questi i nuovi mezzi per seguire la politica cittadina, anche in diretta. E per dire la propria senza censure

Il dibattito politico casaranese si sposta sempre più sul web. Non sono più i siti news a tenere il monopolio della politica locale su internet. Al “Tacco d’Italia” e a “Tuttocasarano”, si sono aggiunti diversi profili di “Facebook”, il social network più diffuso della rete, che con i loro interventi arricchiscono quotidianamente il dibattito politico, confermando questo strumento come il più democratico e il più accessibile e mettendo sempre più in un angolo i mezzi tradizionali. La diretta sul sito del Comune dell’assemblea degli assessorini, inoltre, andata in onda giovedì scorso su tutti i computer collegati, è solo lo sviluppo naturale di questa rivoluzione. Le prove generali della web-tv del Comune sono andate bene. Non è lontano il giorno in cui si potrà assistere al Consiglio comunale in diretta su un pc. Il sindaco, Ivan De Masi, in campagna elettorale lo aveva detto fino alla nausea che la sua amministrazione avrebbe sfruttato al massimo le nuove tecnologie. Giovedì scorso De Masi ha parlato anche degli attacchi che la sua amministrazione riceve dalla rete, mettendo in dubbio anche la credibilità degli stessi. Come il profilo di Michela Provenzal che per il sindaco “non esiste”. Questa blogger, che dichiara di essere iscritta al Pd, da un po’ tempesta i siti locali per incalzare il sindaco e la giunta su svariati argomenti. Per De Masi non esiste, e pensa che dietro questa identità virtuale si celi un gruppo di persone che preferisce stare sotto copertura. Su Fb i profili con l’idea di discutere sui problemi della città e di confrontarsi su di essi sono molto attivi, grazie anche alla possibilità di inserire in tempo reale il proprio punto di vista. “Governo ombra cittadino” è uno di questi profili impersonali che contrastano la maggioranza politica di Palazzo dei Domenicani. La sua collocazione è incerta (di centro-destra? di centro-sinistra?), ma è chiara, a cominciare dal nome, la scarsa simpatia per questa amministrazione. Tra le iniziative di Goc, un sondaggio sugli assessori e una statistica sugli incarichi legali che verrà pubblicata a breve. Più chiara e netta la posizione politica di “Casarano Svegliati”, altro profilo impersonale di Fb. Il suo orientamento è sicuramente di centro-destra, e più che contrastare l’azione governativa sembra maggiormente disposto a incalzare gli ultimi due sindaci della città. Non è inesatto affermare che l’opposizione a De Masi e alla sua giunta viene, oltre che dagli scranni del Consiglio comunale, anche da “Facebook”. Più vicino all’attuale maggioranza di governo, ma non certo appiattito sulle sue posizioni, è “Area Democratica Casarano”, movimento “franceschiniano” interno al Pd. Il suo punto di forza è la costante segnalazione di opportunità lavorative ai giovani, ma naturalmente non disdegna criticità (positive e negative) sulle scelte della giunta De Masi. Da segnalare, infine, “My Casarano Notizie” un “blog alternativo” (come si definisce) e indipendente che si limita a mettere insieme le notizie della città pubblicate sul web.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!