Tricase. A fuoco il Magistrale

Le fiamme sono partite dai materassi utilizzati per il salto in alto. Al momento si esclude la matrice dolosa

di Annalisa Nesca Scoppia un incendio negli scantinati dell’ Istituto Magistrale “Comi” di Tricase. Intorno alle 11.45 il dirigente Mauro Polimeno allerta i vigili del fuoco del locale distaccamento per una colonna di fumo nero misto a fiamme che fuoriesce dalle finestre dei locali seminterrati posti sotto gli uffici dell’istituto. Scatta immediatamente il piano di evacuazione: docenti, studenti e personale della scuola in meno di 10 minuti sono tutti per strada e nel piazzale antistante. Tanto sangue freddo e poche scene di panico. L’intervento durato quasi due ore e mezzo ha richiesto l’ausilio di tre mezzi dei vigili del fuoco, dei quali uno giunto in soccorso dal distaccamento di Maglie. Sulla base di un primo sopralluogo effettuato dai carabinieri della compagnia di Tricase, a prendere fuoco sarebbero stati dei materassi utilizzati per il salto in alto, depositati all’interno dei locali nel seminterrato adibiti fino ad un anno fa a palestra. Al momento si esclude la matrice dolosa, ma non si prende in considerazione nemmeno la strada le corto circuito visto che non è stata rilevata presenza di condotte elettriche. Non è in gioco l’agibilità dell’edificio, che resterà chiuso fino a lunedì per accelerare il lavoro dei tecnici che dovranno effettuare i rilievi e consentire la pulizia dei muri anneriti e il ripristino dei vetri dilaniati dalle fiamme.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!