I Ros di nuovo in Provincia

Nuove acquisizioni di documenti da parte dei carabinieri negli uffici dell'assessorato ai Lavori pubblici che fu di Flavio Fasano. Si indaga per abuso d'ufficio

Nuova visita dei carabinieri dei Ros nella sede di via Salomi della Provincia di Lecce. E nuove acquisizioni di documenti nell’ufficio che fino a pochi mesi fa è stato di Flavio Fasano, quando era assessore ai Lavori pubblici per la Giunta Pellegrino. Elsa Valeria Mignone, pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia, sta indagando sulla pubblica amministrazione ed in particolare sull’operato dell’ex assessore e di coloro che avevano interessi legati al suo assessorato. L’ipotesi di reato è quella di abuso d’ufficio ma non è detto che resti l’unica. Ancora una volta sotto la lente c’è il progetto dell’istituto nautico di Gallipoli. Gli inquirenti stanno cercando di stabilire se vi siano state anomalie o illegittimità nell’iter procedurale per la realizzazione della nuova sede dell’istituto che è attualmente bloccata. Ma non solo. Perché si cercano informazioni anche relativamente all’assegnazione del servizio di cartellonistica pubblicitaria lungo le strade provinciali. L’inchiesta muove da una precedente inchiesta, quella sull’omicidio di “Nino bomba” su mandato di Rosario Padovano, il fratello. Dalle intercettazioni telefoniche è emerso che Rosario Padovano avesse rapporti con Fasano il quale, tuttavia, non risulta indagato in merito all’omicidio. Dalle conversazioni dell’ex assessore ed ex sindaco di Gallipoli è però emerso dell’altro; fatti relativi alla sua attività di amministratore provinciale. E ciò che è stato reso noto finora potrebbe essere solo l’inizio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!