Raffaello Sanzio a S. Francesco della Scarpa

Uno spettacolo tutto particolare. 40 spettatori alla volta per tre appuntamenti serali

di Daria Ricci Un luogo tutto particolare. Un luogo dal grande fascino. Che racchiude sacralità. Sarà la splendida cornice dell’ex chiesa di San Francesco della Scarpa a Lecce a ospitare la compagnia “Socìetas Raffaello Sanzio” di Cesena. Una compagnia che ha fatto del suo lavoro la concezione di un teatro come arte che raccoglie tutte le arti, dove la rappresentazione è completamente aperta verso tutti i sensi della percezione, come in un sistema di forze. In scena sabato e domenica con tre repliche e per soli 40 spettatori alla volta al giorno alle ore 20.00, 21.00 e 22.00. “Storia Dell’Africa Contemporanea vol III”, intensa e veloce azione scenica di Romeo Castellucci della durata di 15 minuti accompagnato dalla sua numerosa famiglia d’arte. La storia racconta in dodici minuti, un gesto abbastanza conosciuto: mettersi in ginocchio. In ginocchio nella storia e nello spazio. Uno sopra l'altro, fino ad arrivare alla condensazione del gesto in una materia congelata in un arco di forza. Davanti a cosa inginocchiarsi? Da dove viene questo bisogno ora? Con la partecipazione di Teodora Castellucci, Demetrio Castellucci, Agata Castellucci, Cosma Castellucci, Sebastiano Castellucci, Eva Castellucci, collaborazione Studio Plastikart Istvan Zimmermann e Giovanna Amoroso, produzione Socìetas Raffaello Sanzio. Sabato 21 alle ore 18.00 Romeo Castellucci, regista e fondatore della compagnia e Fabio Acca, critico e studioso di teatro, dialogano in un incontro aperto al pubblico. Fino al 29 novembre, inoltre, dalle ore 17 alle 20.30 è possibile visitare (ingresso libero) la video installazione del ciclo filmico Tragedia Endogonidia presso l’ex Chiesa di San Francesco della Scarpa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!