Una città a misura di bambino

GUARDA IL VIDEO. E' stata presentata oggi, a Palazzo Adorno, la mostra internazionale di illustrazione per l'infanzia promossa dalla Provincia. L'esposizione si potrà visitare dal 20 novembre al 31 gennaio nel museo provinciale “Sigismondo Castromediano” di Lecce

“La città sostenibile e i diritti dei bambini e delle bambine” è il tema della mostra internazionale di illustrazione per l'infanzia organizzata dall'assessorato alle Politiche sociali della Provincia di Lecce, insieme all'Accademia di Belle Arti, l'Istituto di culture mediterranee, l'Osservatorio urbanistico Teknè, Primavera del libro e associazione GiocoArmonia, in vista della Giornata mondiale sui diritti dell'infanzia che si celebra il 20 novembre. “L'esposizione – spiega il direttore artistico Livio Sossi, docente di Storia e Letteratura dell'infanzia dell'Università di Udine – affronta, attraverso le opere di grandi illustratori per l'infanzia d'Italia e del mondo, il tema della sostenibilità delle nostre città accostandola a quello dei diritti dei bambini”. L'iniziativa, realizzata in collaborazione con Lupo editore, Manni editore, Secop edizioni, Edizioni La Meridiana, Lineadaria editore e Falzea editore, sarà inaugurata venerdì prossimo, alle 17, nel museo Castromediano di Lecce. L'esposizione si potrà visitare tutti i giorni, dal lunedì al sabato, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 17, nel museo Castromediano di Lecce. In occasione della presentazione della mostra, stamani a Palazzo Adorno, è intervenuto l'assessore provinciale alle Politiche sociali, Filomena D'Antini: Sullo stesso tema, domani, presso il Risorgimento Resort di Lecce, si svolgerà un convegno in cui gli organizzatori della mostra e altri ospiti parleranno del ruolo delle istituzioni, della famiglia, della scuola e dell'editoria per ragazzi. L'inizio è previsto per le 11.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!