Da Gutenberg a Google. Il futuro del libro

Il libro non passerà di moda, neanche con l'avvento dei nuovi media. E' il tema di fondo dell'edizione 2009 della Città del libro. A Campi salentina, dal 26 al 29 novembre

Di Daria Ricci Il libro esiste e resiste. Il profumo della carta, lo sfogliare le pagine, l’addormentarsi con il libro tra le mani. C’è e ci sarà ancora chi del libro, della lettura cartacea non può farne a meno. Ed ecco per chi ama trascorrere momenti piacevoli tra ricchi scaffali delle librerie tornare, a Campi Salentina, la “Città del libro”. Ormai alla sua XV edizione. E torna grazie alla “Fondazione Città del Libro”, che col patrocino di Unicef, Parlamento Europeo, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Camera dei Deputati, Regione Puglia, Provincia di Lecce, Città di Campi Salentina, Università del Salento, Camera di Commercio di Lecce, presenta la rassegna degli autori e degli editori del Mediterraneo. “Herr Gutenberg e Mr. Google. Dove va il Libro” è il tema della rassegna in programma nel centro fieristico di Campi Salentina dal 26 al 29 novembre 2009. “Sarà un affascinante viaggio ai confini del libro. Un percorso che parte da Gutenberg, perché a lui si deve l’invenzione che ha reso il libro di carta quell’oggetto irrinunciabile che conosciamo oggi, e che idealmente arriva a Google, non solo il motore di ricerca più famoso al mondo, ma dal 2004 in poi la biblioteca di testi digitali potenzialmente più grande del mondo. Più di 100 gli appuntamenti previsti tra incontri con gli autori, tavole rotonde, dibattiti, approfondimenti e spettacoli. 80 le case editrici presenti in fiera tra piccola, media e grande editoria. 93 le scuole partecipanti per un totale di oltre 12mila studenti. E come dice Raffaele Sirsi, presidente della fondazione “Città del Libro”, “giunti ormai alla fine del primo decennio di questo nuovo secolo il libro continua ad avere una funzione insostituibile”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!