La Finanza alla Lupiae

Le Fiamme gialle hanno sequestrato faldoni di documenti ed atti amministrativi della Lupiae servizi. Sotto la lente gli anni di gestione Siciliano-De Iaco, coincidenti con il governo cittadino di Poli Bortone

La Guardia di finanza fa visita alla Lupiae servizi e si porta dietro un po’ di faldoni. Documenti, atti e libri contabili della società municipalizzata sono finiti sotto la lente delle Fiamme gialle che sono intervenute su mandato della Corte dei Conti che intende fare luce sulla gestione degli anni passati. In particolare, sul periodo in cui amministratore delegato della Lupiae era Gino Siciliano e presidente del Consiglio di amministrazione era Franco De Iaco. Gli anni coincidenti, in pratica, con il governo cittadino di Adriana Poli Bortone. Da chiarire è se le risorse economiche a disposizione della società siano state spese in maniera oculata e rispondente alle regole o se invece i vertici non abbiano eseguito assunzioni ed affidato consulenze in maniera illegittima. Secondo il centrodestra leccese, guidato da Paolo Perrone che è socio di maggioranza della Lupiae, non tutto, nella gestione Siciliano-De Iaco sarebbe andato nel verso giusto. Ecco spiegata l’azione di responsabilità di circa 3,5 milioni di euro da parte del primo cittadino, appoggiata anche dall’opposizione. Ed ecco partita, a quel punto, l’attività di verifica della Guardia di finanza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!