Una Speranza: prima i deboli

Si è costituita ad Ugento la cooperativa “Una Speranza”. Obiettivo: favorire l’inserimento delle persone svantaggiate nel mondo del lavoro e nella società

Dare un’opportunità alle persone svantaggiate. Con questo obiettivo si è costituita ad Ugento circa un mese fa la società cooperativa sociale “Una Speranza”, di cui è amministratore unico Svetlana Bleyzizen. Gli altri soci fondatori sono Salvatore Carluccio, Aurelio Congedi e Dario Reho. Tra gli intenti della cooperativa vi è quello di proporsi come strumento per favorire l’'inserimento sociale e lavorativo dei più deboli ed in particolare delle diversamente abili. Tramite un rapporto diretto, “Una Speranza” intende infatti verificare con le Istituzioni, gli Enti e le aziende del territorio, considerando le loro rispettive necessità, le opportunità che il mercato del lavoro può offrire e le possibilità di stipulare convenzioni, realizzare sperimentazioni, sottoscrivere contratti e protocolli d'intesa, individuando insieme tutte quelle opportunità realisticamente interessanti ed anche eventuali ed efficaci percorsi formativi e soluzioni tecnologiche adeguate. La missione della Cooperativa, dunque, è quella di garantire la persona e consentire a ciascuno, in base alle sue capacità e possibilità, di affermare la propria dignità e di non sentirsi “un peso” per la società civile. // I servizi offerti Nello specifico, la Cooperativa può offrire ad Istituzioni, Enti ed aziende svariati servizi, declinati sulla base delle esigenze specifiche del committente: attività di assistenza e sostegno domiciliare; forniture dirette di segretariato; centri di accoglienza e riabilitazione; programmi ed attività per il recupero ed il reinserimento delle persone svantaggiate; organizzazione e gestione di attività ricreative e sportive; attività di aiuto e contrasto alla povertà; mensa, ristorazione collettiva, bar; accoglienza turistica ed agrituristica; trasporto di persone e cose; controllo, gestione e rilevazione dei tributi comunali; custodia, vigilanza e tutela; progettazione, realizzazione e gestione di attività e forniture nel settore informatico; formazione professionale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!